Ustica: manca il personale scolastico, studenti restano a casa :ilSicilia.it

CHIESTO UN INCONTRO IN COMUNE

Ustica: manca il personale scolastico, studenti restano a casa

di
24 Settembre 2019

Resta ancora chiusa la scuola a Ustica. I 115 alunni dell’istituto superiore, della scuola media elementare e dell’infanzia sono a casa a causa della carenza del personale Ata e di alcuni insegnanti. Ad aggravare la situazione, non sono stati nominati i tre assistenti amministrativi, mentre dei previsti sette collaboratori scolastici ce ne sono solo due. Con questi numeri i plessi non possono essere aperti.

Nonostante gli incontri in provveditorato la situazione non si è sbloccata, il che mette in seria difficoltà le famiglie degli studenti isolani. “Chiediamo un consiglio comunale straordinario e urgente in seduta aperta perché la nostra comunità non è più disposta a tollerare che gli venga negato uno dei diritti fondamentali della Costituzione: “La scuola è aperta a tutti”“.

È la richiesta depositata oggi dai consiglieri di minoranza di Ustica, Renato Mancuso, Vittoria Salerno e Tania Licciardi, che aggiungono: “Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un continuo indebolimento della nostra istituzione scolastica. I motivi sono tanti, troppi per la nostra piccola comunità. In passato, seppur tra mille difficoltà, e soprattutto con la collaborazione tra presidi e personale docente, che si sono avvicendati negli anni, famiglie e istituzioni locali in un modo o nell’altro si è riusciti a garantire il diritto allo studio“.

Ogni anno che passa è sempre peggio e quest’anno abbiamo superato il limite – proseguono –. Siamo impotenti di fronte ad una richiesta di attuazione di un sacrosanto diritto che si scontra con l’applicazione della legislazione vigente che non è adatta alla nostra piccola realtà e alle innumerevoli piccole realtà che popolano la nostra nazione. Per questo abbiamo chiesto un consiglio comunale straordinario e urgente in seduta aperta perché la nostra comunità non è più disposta a tollerare che gli venga negato uno dei diritti fondamentali “La scuola è aperta a tutti” (articolo 34)“.

Negli ultimi giorni – concludono i consiglieri – ci siamo confrontati con tanti genitori e condividiamo le loro preoccupazioni. Siamo in prima linea insieme a loro e non ci fermeremo fino a quando nella nostra isola non sarà garantito un diritto per tutti i nostri ragazzi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco