Vacanze, poca Sicilia nelle scelte dei turisti della Lombardia :ilSicilia.it

La classifica

Vacanze, poca Sicilia nelle scelte dei turisti della Lombardia

di
31 Maggio 2020

Per i turisti lombardi Sicilia e Sardegna, le due regioni che il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha sconsigliato come mete perché potrebbero sbarrare gli accessi ai suoi corregionali, non sono tra le mete più frequentate. Basso l’indice di gradimento per la Sicilia.

La Sicilia è al tredicesimo posto con 1.069.293 presenze turistiche per una percentuale del 2,3%. A spiegare questi numeri potrebbero essere anche le difficoltà logistiche per chi, non vivendo a Milano e quindi vicino agli aeroporti, è costretto comunque a un viaggio più difficoltoso per raggiungere le due isole. E allo stesso modo le statistiche non tengono conto di quanti, e sono molti, sono i lombardi di origine sarda o siciliana che vanno nelle seconde case o da parenti.

La graduatoria delle regioni più gradite ai lombardi vede svettare la vicina Emilia Romagna (oltre 9 milioni di presenze pari al 19,4%), la stessa Lombardia (5,5 mln l’11,9%), il Trentino Alto Adige (4,7 mln, 10,1%) e ancora la Toscana (4,4 mln, 9,6%), il Veneto (4,4 mln, 9,5%) e la Liguria (3,5 mln, 7,6%). Seguono Marche (4%), Sardegna, Puglia (3,8%), Lazio (3,4%), Piemonte (3%), Campania (3%), Sicilia, Abruzzo (2,1%), Friuli Venezia Giulia (1,7%), Valle d’Aosta (1,6%), Calabria (1,4%), Umbria (1,1%), Basilicata (0,4%) e, in fondo, il Molise scelto solo dallo 0,1% dei lombardi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.