#Vaccinarte fa il tris e il pieno di immunizzati: 200 dosi al Salinas | VIDEO E FOTO :ilSicilia.it
Palermo

l'iniziativa

#Vaccinarte fa il tris e il pieno di immunizzati: 200 dosi al Salinas | VIDEO E FOTO

di
23 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Chiude in bellezza il terzo e ultimo appuntamento con #Vaccinarte, l’iniziativa della Regione Siciliana per coniugare salute e cultura, vaccinando nei musei.

Ieri, in appena sei ore, sono state circa duecento le persone che hanno deciso di immunizzarsi al Museo archeologico regionale Antonino Salinas di piazza Olivella, approfittando dell’ingresso omaggio per la visita degli spazi espositivi e la mostra inedita su Santa Rosalia, aperta nel giorno del Festino e che resterà in allestimento fino al 4 settembre.

Tante facce giovani e giovanissime, ma anche persone più in età avanzata che, finora, non avevano voluto o potuto ricevere la prima dose di vaccino. Tra questi, anche rider e lavoratori di ristoranti, pizzerie e locali pubblici intorno piazza Olivella, che restano aperti fino a tarda notte.
La fila, fuori dai cancelli del Salinas e poi nei chiostri del museo, si è iniziata a creare già dalle 17,30, mezz’ora prima che iniziasse l’evento.

GUARDA LE FOTO IN BASSO

Molti si sono lasciati convincere dalla location suggestiva: respirare l’atmosfera magica del Salinas allontana dal pensiero di sottoporsi a un trattamento sanitario. La bellezza delle statue di Tindari o delle metope di Selinunte come un balsamo, a placare la paura dell’ago o la diffidenza nel vaccino. Anche stavolta non sono mancati i turisti, soprattutto da Spagna e Sudamerica. Carol, venezuelana, si è vaccinata e commossa, ringraziando l’Italia per l’opportunità. Profonda la felicità di Alessandra, palermitana in sedia a rotelle, che aveva ricevuto la prima dose di vaccino al primo #Vaccinarte del 24 giugno: “Il museo custodisce il nostro passato e ora, con la possibilità di immunizzarsi in questi spazi, anche il nostro futuro. Stasera qui sembra quasi una festa, perché tutti vogliamo la stessa cosa: tornare liberi e a una vita normale”.

L’iniziativa di vaccinare nei musei, lanciata dagli assessorati regionali della Salute e dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, è stata accolta con slancio dai commissari per l’emergenza Covid delle Città metropolitane di Messina, Catania e Palermo. Qui sono stati tre gli appuntamenti organizzati dalla struttura commissariale al museo Salinas, in collaborazione con la direttrice Caterina Greco, che ha visto in #Vaccinarte “un’opportunità per rilanciare il ruolo sociale del museo, da sempre attento a tutto ciò che tocca la città da vicino, pandemia compresa”.

“Una serata da incorniciare – per il commissario Covid di Palermo Renato Costa -. Le persone apprezzano questo nostro sforzo nell’andare loro incontro. Lo stiamo intensificando adesso, ma va avanti da mesi, da quando abbiamo iniziato ad andare a vaccinare i meno fortunati nelle periferie. Ora che la campagna di vaccinazione è di massa e riguarda tutta la popolazione dai 12 anni in su è ancor più importante far comprendere che il vaccino è vitale perché vaccinarsi è tagliare le gambe al virus: proteggere se stessi e gli altri dal contagio e da conseguenze gravi. Non solo, ma immunizzarsi può essere veloce, piacevole, si può fare tranquillamente a corredo di un’attività quotidiana come un aperitivo, una cena, una passeggiata in un museo. Prima lo facciamo tutti, prima ci riprenderemo la nostra vita”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin