Vaccini: a marzo quarta dose ai fragili, a fine mese arriva Novavax :ilSicilia.it

l'annuncio

Vaccini: a marzo quarta dose ai fragili, a fine mese arriva Novavax

di
21 Febbraio 2022

Il via libera alla quarta iniezione per i soggetti fragili, l’arrivo del primo milione di dosi del nuovo vaccino Novavax. Il 31 marzo scadrà lo stato di emergenza, ma a quanto pare il mese venturo sarà tutt’altro che in frenata. Il generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza, ha ancora l’agenda piena, a cominciare dall’iniezione extra agli immunodepressi, che in Italia sono circa 3 milioni.

Si partirà il primo marzo e sono in arrivo le disposizioni attuative: giusto il tempo di concludere l’individuazione delle platee assieme al ministero e alle Regioni. Di certo l’applicazione sarà “abbastanza estensiva” dice ancora Figliuolo, oggi in visita all’ospedale Meyer di Firenze. Che si possa somministrare la quarta dose anche agli altri è un’ipotesi invece su cui il dibattito è aperto.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri si affiderà alla scienza, ma ritiene “possibile” che dopo l’estate con l’arrivo dei primi freddi “si possa valutare una dose di richiamo alle fasce più a rischio, come gli anziani”, così come per l’influenza. E se la Fondazione Gimbe sostiene invece che “non ci sono a oggi evidenze scientifiche” a favore della quarta dose per tutti, il consigliere del ministero Walter Ricciardi argomenta invece che “le farmaceutiche stanno sperimentando vaccini che coprono da tutte le varianti. Finché non arriveranno, bisognerà allargare per gradi la platea della quarta dose: prima i grandi anziani, poi gli operatori sanitari”.

Ieri anche il dg dell’Aifa Nicola Magrini non aveva affatto chiuso la porta. Anzi, per lui andrebbe mantenuto anche “l’obbligo di vaccinazione per gli over 50“, che al momento scade il 15 giugno, anche alla luce del debutto di Novavax. Il vaccino statunitense, approvato da Ema e Aifa a fine dicembre, ha almeno due caratteristiche significative: è più facile da gestire perché si conserva a normali temperature di frigo, e non si basa sull’mRna ma sulle proteine ricombinanti. Una tecnologia che si usa da almeno trent’anni e che quindi potrebbe ridurre i timori di chi tra i no-vax sospetta dei farmaci più recenti.

L’obiettivo è allargare ancora di più la percentuale di italiani immunizzati, che al momento, riporta ancora Figliuolo, è all’89% per il ciclo completo e al 94% tra prima dose e guariti. Novavax è atteso “per la fine di questa settimana – spiega il generale – Ne riceveremo poco più di un milione di dosi che saranno subito distribuite alle Regioni. Poi ne arriveranno ancora un altro paio di milioni nel mese di marzo”. Nel Lazio sarà prenotabile già da giovedì, e venerdì il Piemonte dovrebbe già iniziare a iniettarlo. Il farmaco, ha spiegato il governatore Alberto Cirio, “ha bisogno di un percorso diverso, perché non è concessa l’eterologa”. In sostanza: chi inizia il ciclo con Novavax dovrà finire con Novavax, mentre chi ha iniziato con Pfizer o Moderna non potrà fare i richiami col nuovo prodotto. In Germania si inizierà a utilizzarlo questa settimana, mentre è già in uso in Indonesia e nelle Filippine. Intanto si avvicina il 31 marzo, data in cui la probabile cessazione dello stato di emergenza dovrebbe portare a progressivi cambiamenti nella ‘macchina’ anti-Covid. Figliuolo ha “dosi di vaccino stivate per ogni eventualità: poi, dopo il 31 marzo, quando passeremo la mano, ci sono tutte le interlocuzioni con il ministero per lasciare un pacchetto pronto“.

Nessuna preoccupazione per il proprio futuro: “Cose da fare ne ho, sono il comandante operativo di vertice interforze. Ci sono 37 missioni in atto”. Marzo sarà anche il mese in cui dovrebbe maturare il confronto politico sulle future restrizioni. Il clima è caldo, parte della maggioranza preme per una de-escalation e tenta ‘blitz’ in Parlamento, e sebbene il presidente della Camera Roberto Fico abbia osservato che “un progressivo superamento delle restrizioni sia di buon senso“, c’è da aspettarsi un mese di trattative serrate. Intanto, già nel corso del mese prossimo alcune misure si allenteranno (capienza degli stadi, visite in ospedale, snack al cinema). Ma la partita più importante si giocherà su pass e restrizioni, soprattutto in vista delle vacanze pasquali, che il mondo del turismo attende con ansia. Quale pass si potrà usare per i trasporti a lunga percorrenza, quale per alberghi e ristoranti? E come comportarsi con gli stranieri, che al momento sono costretti al tampone se vaccinati da più di sei mesi? Tutte domande a cui si darà risposta nelle prossime settimane.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.