Vaccini, accordo Aiop-unione italiana food: dosi anche in aziende :ilSicilia.it

l'iniziativa

Vaccini, accordo Aiop-unione italiana food: dosi anche in aziende

di
22 Giugno 2021

 L’AIOP, Associazione italiana ospedalita’ privata, e l’UIF, Unione Italiana Food, hanno sottoscritto un accordo quadro per la somministrazione dei vaccini anti Sars-CoV-2 presso le strutture che aderiscono all’Associazione ospedalita’ privata. AIOP rappresenta 577 strutture sanitarie di ricovero e cura, con 21 sedi regionali, mentre UIF e’ l’Associazione di categoria che riunisce 450 aziende e rappresenta oltre 20 settori e piu’ di 800 marchi nel comparto alimentare. L’intesa fa seguito al Protocollo ministeriale che permette alle aziende e ai datori di lavoro di provvedere alla vaccinazione diretta dei propri dipendenti dopo avere stipulato una apposita convenzione. Per la Presidente nazionale AIOP, Barbara Cittadini, si tratta di “un risultato importante nell’ambito del pieno coinvolgimento della componente di diritto privato del SSN nella campagna vaccinale avviata dal Governo. Con l’accordo quadro sottoscritto con l’Unione Italiana Food, l’AIOP mette a disposizione le sue strutture sanitarie, che sono radicate in modo capillare su tutto il territorio nazionale, e i professionisti che vi operano. E’ un supporto – conclude Cittadini – con il quale garantiamo un contributo significativo nella comune lotta alla pandemia, con la prospettiva condivisa di un Paese che possa ripartire in tempi brevi in sicurezza. La sinergia tra le nostre Associazioni ha questa finalità”

Per il Presidente di Unione Italiana Food, Marco Lavazza: “Il nostro ruolo da sempre e’ quello di creare prodotti alimentari di qualita’, sicuri, buoni, sani e gli italiani sanno di poter contare su di noi. Lo abbiamo sempre fatto e lo abbiamo dimostrato anche nel periodo piu’ critico della pandemia. Questi risultati sono stati raggiunti grazie anche, e soprattutto, all’impegno di tutti i nostri lavoratori, che in un periodo di difficolta’ cosi’ unico, non si sono tirati indietro. Un gesto di cura e di attenzione che ci sembra dovuto a chi, come i nostri dipendenti, ha sempre mostrato senso di responsabilita’ e attaccamento alle nostre aziende. Non solo le realta’ piu’ grandi, ma tutte le nostre associate vogliono garantire il diritto alla vaccinazione dei propri dipendenti. Grazie a questo accordo ora e’ possibile”.
Anche per questo, nell’attuale fase di vaccinazione, necessaria e propedeutica ad un ritorno alla normalita’, UIF ha firmato insieme ad AIOP questo accordo: cio’ permettera’ anche alle aziende che non sono strutturate in modo tale da effettuare i vaccini in sede, di poter offrire ai propri dipendenti la possibilita’ di vaccinarsi agevolmente in una delle strutture private aderenti a AIOP.

L’elenco delle strutture in possesso dei requisiti per la vaccinazione, con l’indicazione del referente da contattare per la stipula della convenzione, sara’ disponibile sui rispettivi siti internet www.aiop.it e www.unioneitalianafood.it. Come prevede l’accordo, spettera’ poi alle Aziende sanitarie locali, territorialmente competenti, l’onere della distribuzione delle dosi vaccinali alle strutture AIOP aderenti alla campagna vaccinale per la successiva inoculazione, che dovra’ avvenire conformemente a quanto stabilito dalla normativa regionale vigente, con particolare riguardo ai requisiti minimi strutturali dei locali di somministrazione dei vaccini; alle opportune misure per garantire la sicurezza degli assistiti e al puntuale adempimento degli obblighi informativi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin