Vaccini, Cavaleri su AstraZeneca: "La posizione dell'Ema non è cambiata" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Vaccini, Cavaleri su AstraZeneca: “La posizione dell’Ema non è cambiata”

di
13 Giugno 2021

La posizione dell‘Agenzia europea dei medicinali (Ema) sul vaccino anti Covid-19 di AstraZeneca “non è cambiata” e sono attesi in luglio nuovi dati relativi alla definizione del rischio di trombosi in diversi gruppi di età e per sesso. Lo ha detto all’ANSA il coordinatore della task force vaccini dell’Ema, Marco Cavaleri, alla luce delle notizie recenti relative agli effetti legati al vaccino di AstraZeneca.

Il vaccino di AstraZeneca “è stato approvato all’inizio dell’anno nella popolazione dai 18 anni in su alla luce di un rapporto e rischi-benefici positivo, soprattutto per gli anziani. Da allora la posizione dell’Ema non è cambiata e il vaccino è valido“. Durante la raccolta dei dati, ha detto ancora, “sono emersi casi di trombosi con piastrinopenia, che sono stati esaminati dal nostro comitato di farmacovigilanza” e “in aggiunta l’Ema ha condotto nuove analisi per contestualizzare il rischio di trombosi in diversi gruppi di età, per sesso e in diversi contesti epidemiologici“, che hanno permesso di definire come utilizzare il vaccino nel contesto delle campagne vaccinali”.

Questi dati permetteranno di definire ulteriormente il rischio di trombosi. “Ci aspettiamo i risultati degli studi per luglio e già allora potremo essere in grado di determinare se i dati dicono qualcosa di nuovo“, ha rilevato Cavaleri. “Al momento l’Ema può dire che AstraZeneca è un vaccino estremamente valido e che è degli Stati membri – ha concluso – la scelta su come utilizzarlo alla luce del rapporto rischi-benefici“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin