Vaccini Covid, l'allerta di Figliuolo: "Possibilità di una terza dose" :ilSicilia.it
Banner Bibo

La dichiarazione del generale

Vaccini Covid, l’allerta di Figliuolo: “Possibilità di una terza dose”

di
7 Giugno 2021

La campagna anti-Covid procede a gonfie vele con oltre 38 milioni di dosi effettuate, 13 milioni di immunizzati e la ‘spallata finale’ in corso grazie alle 20 milioni di dosi in arrivo nel corso di giugno.

Dalla metà di maggio il Paese si è assestato su una media di tre milioni e mezzo di somministrazioni settimanali con punte come quelle di venerdì e sabato scorsi di oltre 600 mila inoculazioni al giorno: si utilizza il 90 percento delle fiale distribuite, tutte le Regioni tengono il passo, l’83% degli over 80 è immunizzato e cominciano a lavorare, oltre alle farmacie, anche gli 840 punti vaccinali aziendali.

Audito in Commissione Bilancio, il commissario Francesco Paolo Figliuolo snocciola i dati di una partita contro il virus ancora da giocare, ma della quale si comincia a vedere la fine. Anche se “è probabile che rimarranno minime percentuali di irraggiungibili“, arriveremo a settembre con l’80% di italiani immunizzati, ribadisce il generale, che già guarda al futuro, con l’inizio della pianificazione per la terza dose del 2022 e la fine dell’emergenza.

“Il punto di svolta della campagna vaccinale è stato dare priorità ad anziani e fragili”, spiega, evidenziando ancora una volta quanto importante sia completare le vaccinazioni degli over 60. La “macchina poderosa” della campagna vaccinale “deve procedere e condurre contestualmente a un binario di ordinaria gestione delle attività in vista dei richiami”, dice Figliuolo, sottolineando l’importanza del progressivo ritorno alla normalità, nel percorso che porterà a una campagna che dovrà essere in futuro “governata dalle strutture preposte” del territorio e non più da hub. Su questa strada, conclude, “il passaggio graduale della struttura commissariale lo vedrei bene sulla protezione civile, ma questo lo dovrà decidere il governo. La protezione civile è un partner ideale per il passaggio di poteri dalla struttura commissariale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin