Vaccini Covid: Pfizer riduce la fornitura in Italia. In Sicilia meno 11700 dosi :ilSicilia.it

la distribuzione per regioni

Vaccini Covid: Pfizer riduce la fornitura in Italia. In Sicilia meno 11700 dosi

di
17 Gennaio 2021

La Pfizer ha ridotto di circa 165 mila dosi il nuovo invio di vaccini. Lo rende noto l’ufficio stampa del Commissario Straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, in un comunicato in cui si ribadisce che la decisione di Pfizer è stata “unilaterale” e che ha “unilateralmente redistribuito le dosi da consegnare ai 293 punti di somministrazione sul territorio italiano. Di conseguenza, e in modo del tutto arbitrario”, nella “prossima settimana a fronte delle 562.770 dosi previste, verranno consegnate 397.800 dosi”.

Una decisione “non condivisa né comunicata agli uffici del Commissario, produrrà un’asimmetria tra le singole Regioni”.

“La Pfizer – è detto nella nota – ha comunicato, senza alcun preavviso, nel pomeriggio di venerdì 15 gennaio, che avrebbe unilateralmente ridotto le fiale destinate all’Italia nel corso della prossima settimana del 29%. La Pfizer ha altresì unilateralmente redistribuito le dosi da consegnare ai 293 punti di somministrazione sul territorio italiano”.

Di conseguenza, e in modo del tutto arbitrario, considerando che era già stato comunicato dal Commissario Straordinario alle Regioni che da lunedì 18 gennaio una fiala avrebbe contenuto 6 dosi di vaccino, come da recenti indicazioni di Ema e di AIFA, nella prossima settimana a fronte delle 562.770 dosi previste, verranno consegnate 397.800 dosi“.

“Inoltre, l’arbitraria distribuzione decisa dall’azienda, non condivisa né comunicata agli uffici del Commissario, produrrà un’asimmetria tra le singole Regioni, con una differente riduzione delle consegne e con sei Regioni che non subiranno alcuna riduzione“.

L’ufficio di Arcuri ha dato la ripartizione delle dosi che verranno consegnate alle Regioni ed il confronto con il precedente piano di consegne.

RIPARTIZIONE

Abruzzo: dosi previste 9.360, dosi consegnate 9.360 (invariato)

Basilicata: previste 3.510, consegnate 3.510 (invariato)

Calabria: previste 15.210, consegnate 9.360 (-5.850)

Campania, previste 43.290, consegnate 38.610 (-4.680)

Emilia-Romagna, previste 52.650, consegnate 26.910 (-25.740)

Friuli-Venezia-Giulia, previste 15.210, consegnate 7.020 (-8.190)

Lazio, previste 51.480, consegnate 38.610 (-12.870)

Liguria, previste 21.060, consegnate 18.720, (-2.340)

Lombardia, previste 95.940, consegnate 70.200 (-25.740)

Marche, previste 10.530, consegnate 10.530 (invariato)

Molise, previste 3.510, consegnate 3.510, invariato

Provincia Bolzano, consegnate 8.190, previste 3.510(-4.680)

Provincia Trento, consegnate 5.850, previste 2.340 (-3.510)

Piemonte, consegnate 50.310, previste 44.460 (-5.850)

Puglia, consegnate 30.420, previste 18.720 (-11.700)

Sardegna, consegnate 14.040, previste 7.020(-7.020)

Sicilia, consegnate 49.140, previste 37.440 (-11.700)

Toscana, consegnate 29.250, previste 18.720 (-10.530)

Umbria, consegnate 5.850, previste 5.850 (invariato)

Valle d’Aosta, consegnate 1.170, previste 1.170 (invariato)

Veneto, consegnate 46.800, previste 22.230 (-24.570).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin