Vaccini, Faraoni: "Svolta della campagna con i 559 medici di famiglia" :ilSicilia.it
Palermo

Le parole della direttrice dell'Asp di Palermo

Vaccini, Faraoni: “Svolta della campagna con i 559 medici di famiglia”

di
14 Aprile 2021

Abbiamo concentrato tutte le forze sul territorio e le vaccinazioni a domicilio riusciremo a concluderle con i 559 medici di medicina generale e medici di continuità assistenziale che hanno aderito al progetto e che già da venerdì potranno somministrare i vaccini. Questo potrebbe dare una vera svolta a tutta l’attività di vaccinazione. Se questi medici riuscissero già a vaccinare solo 10 persone al giorno, riusciremmo a fare oltre 5mila vaccinazioni quotidianamente“.

Lo ha detto la direttrice generale dell’Asp di Palermo Daniela Faraoni durante la sua audizione in commissione sanità all’Ars che si è occupata di emergenza Covid in Sicilia.

Con il commissario Costa sto lavorando benissimo e sta dando un apporto validissimo nel territorio. Posso assicurare – ha detto – che il lavoro è frutto di un continuo studio nella consapevolezza di fare ciò che serve e ove ci fosse stata la sensazione che stiamo navigando a vista, garantisco che non è così“.

Sul fronte della case di riposo Faraoni ha detto: “Non siamo ancora riusciti a completare le vaccinazioni nelle case di riposo perché ogni giorno arrivano nuove richieste. Riteniamo forse che c’era un sommerso che sta emergendo e molte di queste strutture si stanno regolarizzando. Speriamo in questa settimana di completarle“.

I disabili gravissimi, oltre 2.500 nella nostra provincia – ha aggiunto – sono stati già tutti contattati. Abbiamo lavorato alacremente e c’è massima soddisfazione delle famiglie. Per quanto concerne gli over 80, stiamo ampliando il numero delle ore al personale Usca e con questa modalità riusciremo a vaccinare tutti gli over 80 domiciliari. A Villa delle Ginestre stiamo vaccinando tutti i caregiver che non abbiamo potuto vaccinare a casa“.

C’è un’altissima attenzione sulle vaccinazione – ha concluso Faraoni – la problematica della zona rossa riusciremo a superarla offrendo alla popolazione il sistema di sicurezza del vaccino. Stiamo pensando, su indirizzo del presidente Musumeci, di organizzare tutte le attività per venerdì, sabato e domenica per favorire la vaccinazione, come una sorta di open day“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti