Vaccini, Gimbe: Non ci sono i numeri per 500mila dosi entro il 15" :ilSicilia.it

il bilancio del primo trimestre 2021

Vaccini, Gimbe: Non ci sono i numeri per 500mila dosi entro il 15″

di
12 Aprile 2021

Al momento i numeri non vanno nella direzione delle 500mila vaccinazioni al giorno entro il 15 aprile. A dirlo è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus. Cartabellotta fa un bilancio del primo trimestre 2021 e precisa come le consegne “di fatto” siano “state chiuse ufficialmente domenica 4 aprile” con il “90% dei vaccini previsti nell’ultima versione del piano vaccinale che erano 15,7 milioni” e che ha portato a un arrivo di 14 milioni di dosi.

“La prima versione del piano ne prevedeva 28,3 milioni“. Cartabellotta parla poi di un “collo di bottiglia” che è “quello delle somministrazioni che vanno un po’ in ordine sparso a seconda delle Regioni“. Se ne “prevedevano 300mila entro il 23 marzo”, ma “solo la scorsa settimana abbiamo raggiunto 300mila e solo in alcuni giorni” visto che “c’è sempre un crollo la domenica” e che “servirebbe altro personale”. “Riguardo alle 500mila somministrazioni al giorno entro il 15 aprile, al momento i numeri non ci sono – aggiunge -. La prima determinante sono le consegne, adesso vediamo come si metteranno in questo mese di aprile, sappiamo che quelle di Johnson&Johnsonarriveranno” con “meno dosi rispetto a quelle previste. Curevac non ha ancora completato lo studio di fase 3 ed effettuato la domanda di approvazione all’Ema. Abbiamo richiesto un calendario pubblico delle consegne, perché al momento abbiamo solo la quantità di vaccini prevista in un arco trimestrale“.

Il presidente della Fondazione Gimbe su Astrazeneca ha commentato: “Dopo l’ultima revisione di Ema, credo si stia diffondendo una diffidenza ulteriore nei confronti di questo vaccino, soprattutto per i cambi di età, prima era per giovani, ora per anziani. Gli studi sul campo hanno dimostrato che Astrazeneca va molto bene anche per gli anziani, nel frattempo è emerso che questi rari episodi trombotici riguardano soggetti al di sotto dei 70 anni. Bisogna abituarsi, anche dal punto di vista della comunicazione pubblica, a spiegare gli elementi che condizionano questi cambi di rotta che sono frutto di una valutazione sul campo del vaccino“.

Abbiamo un’enorme quantità di popolazione che difficilmente potrà essere vaccinata entro l’estate, quindi dovremo continuare a tenere le mascherine. La priorità è rallentare il flusso di pazienti in ospedale che può permetterci di allentare le misure restrittive“.

Da una decina di giorni si intravede l’appiattimento e l’inizio della discesa della curva dei ricoveri e delle terapie intensive, ma i numeri sono ancora alti e la discesa sarà molto lenta – spiega Cartabellotta -. In questo momento la copertura vaccinale degli over 80 è a buon punto, ma non quella degli ultrasettantenni, che è la fascia che rispetto alle ospedalizzazioni paga il prezzo più elevato, mentre quella degli over 80 la paga rispetto ai decessi”. “Questa attenzione – aggiunge – serve a ridurre l’impatto sugli ospedali”.

In Sicilia la percentuale di popolazione che ha ricevuto la prima dose del vaccino è del 7,4% rispetto alla media nazionale dell’8,7%. La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è del 6,1% contro la media nazionale del 6,6%. I dati, aggiornati a questa mattina, sono elaborati dalla Fondazione Gimbe di Bologna. La percentuale di popolazione anziana di età superiore a 80 anni che ha completato il ciclo vaccinale è del 35%, mentre quella che ha ricevuto una sola dose è del 16,2%.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti