Vaccini in azienda, Confapi Sicilia: "Aspettiamo una data dalla regione" :ilSicilia.it

La dichiarazione

Vaccini in azienda, Confapi Sicilia: “Aspettiamo una data dalla regione”

di
21 Marzo 2021

Dopo una settimana di conferme e nulla osta della Regione Siciliana e dell’Assessore alla Sanità, Ruggero Razza, e l’Assessore alle Attività Produttive, Mimmo Turano, in attesa di siglare il protocollo inviato da Confapi Sicilia e Sicindustria sulla campagna vaccinale nelle aziende associate, prosegue la mappatura e la ricognizione dei lavoratori e familiari da vaccinare.

Abbiamo lavorato, tutta la settimana, rispondendo alle tante domande e richieste pervenute dagli imprenditori associati. Nella sola giornata di sabato 20 marzo u.s., n. 30 aziende in più, iscritte a Confapi Sicilia, hanno manifestato la loro adesione all’iniziativa con un conteggio di circa 10 mila, tra lavoratori e familiari, disponibili alla vaccinazione. Un segnale importante che arriva da tutte e nove le province in cui Confapi Sicilia opera attivamente da 2 anni e mezzo. L’iniziativa e la proposta voluta fortemente da Confapi, con una nota inviata dal nostro Presidente Nazionale Maurizio Casasco al Presidente Musumeci e agli Assessori interessati, lo scorso 3 febbraio, è stata accolta da tutti gli imprenditori siciliani con grande entusiasmo. Segnale che il ricorso alle vaccinazioni nel settore produttivo ed economico sembrano essere l’unica via d’uscita sia dall’emergenza sanitaria sia di quella economica” – sostiene il Presidente della Confederazione delle Piccole e Medie Industrie (Confapi) Sicilia, Dhebora Mirabelli.

Confapi Sicilia, ha avuto modo di ascoltare anche i sindacati CGLI, CISL e UIL, venerdì 19 u.s. pomeriggio e gli stessi si sono detti disponibili a sensibilizzare e informare i loro Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS). Procedono, infatti, i lavori del Comitato Territoriale Covid-19 di Confapi Sicilia, CGIL, CISL e UIL con l’identificazione dei componenti e con un’azione e intervento di supporto e sostegno, ove richiesto dalle aziende, all’attuazione della campagna vaccinale.

ConFare Paritetico” è il nuovo strumento attuativo della pariteticità e welfare bilaterale a servizio di aziende e lavoratori di Confapi Sicilia.

Adesso siamo pronti a passare all’operatività, manca una data di sottoscrizione da parte della Regione, che mi hanno assicurato non tarderà ad arrivare in settimana, e poi anche qui in Sicilia possiamo, grazie anche alle nostre associate, raccogliere le registrazioni ufficiali sulla banca dati online di tutti i dati delle persone da vaccinare. Le aziende che hanno dato il consenso e la disponibilità hanno già attivato le interlocuzioni con i loro medici del lavoro e lavoratori e in alcuni casi, come il Gruppo Irritec, si sono impegnate a sostenere la costruzione di un hub vaccinale in una tecnostruttura che sorgerà in piazza Bontempo, nel cuore del comune di Capo D’Orlando, e consentirà ai medici del territorio di procedere a pieno regime con le somministrazioni dei vaccini, lavorando su nove postazioni: di queste, quattro verranno rese disponibili per le vaccinazioni dei medici di base, mentre le altre cinque saranno messe a disposizione dall’ASP di Messina”, conclude il Presidente Confapi Sicilia, Dhebora Mirabelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin