Vaccini, Musumeci: "Ai furbetti niente richiamo. Requisire parte produzione Pfizer se necessario" :ilSicilia.it

la dichiarazione del governatore

Vaccini, Musumeci: “Ai furbetti niente richiamo. Requisire parte produzione Pfizer se necessario”

di
25 Gennaio 2021

Per gli eventuali ‘furbetti‘ che in Sicilia hanno ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid senza averne diritto “non c’è possibilità” di avere anche il richiamo che completa la copertura. Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, interpellato nel merito durante ‘Oggi è un altro giorno’, trasmissione su Rai1. “Queste persone non ne hanno titolo e quindi non c’è possibilità – ha precisato il governatore -, sarebbe come diventare complici o avallare questo comportamento“.

Abbiamo il dovere di pretendere il rispetto delle norme contrattuali: in Italia ci sono tre stabilimenti Pfizer, uno dei quali a Catania, sono convinto che a estremi rimedi bisognerebbe ricorrere con la requisizione di una parte della produzione“, queste le parole in merito alla temporanea riduzione di vaccini anti-Covid consegnati dall’azienda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin