Vaccini, Musumeci all'hub di Agrigento: "Dobbiamo uscire presto dal tunnel" :ilSicilia.it
Agrigento

l'incontro

Vaccini, Musumeci all’hub di Agrigento: “Dobbiamo uscire presto dal tunnel”

di
9 Maggio 2021

Visita a sorpresa in mattinata del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci all’hub vaccinale di Agrigento. Il governatore, accompagnato dall’assessore regionale alla Funzione Pubblica Marco Zambuto, dal commissario del Libero Consorzio dei Comuni Vincenzo Raffo e dalla deputata regionale Giusy Savarino, è stato accolto dal commissario per l’emergenza Covid della città dei templi, Mario Zappia, che lo ha accompagnato attraverso le diverse aree del centro vaccinale.

Musumeci ha voluto recarsi nella struttura, allestita all’interno del Palacongressi di Villaggio Mosè, per portare il saluto del governo regionale ai medici e agli operatori che vi lavorano. Un’occasione per il presidente della Regione -che proprio ieri ha ricevuto la prima dose di vaccino AstraZeneca- per incontrare e rassicurare i tanti cittadini in attesa di ricevere la propria dose di siero.

Ho voluto salutare e ringraziare  tutti gli operatori che si sono impegnati e distinti nelle scorse settimane, e soprattuto per quello che faranno nelle prossime  – ha detto Musumeci -. Abbiamo il dovere di fare squadra per convincere quanti più cittadini a vaccinarsi: metterli al sicuro è l’unica strada possibile per porre fine a questa estenuante altalena di colori giallo-arancione-rossi. Vogliamo e dobbiamo uscire presto e definitivamente da questo tunnel“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin