Vaccini, Musumeci: "Siamo insoddisfatti sulla gestione di AstraZeneca" :ilSicilia.it

il commento

Vaccini, Musumeci: “Siamo insoddisfatti sulla gestione di AstraZeneca”

di
21 Giugno 2021

“Non siamo assolutamente soddisfatti sulla questione di AstraZeneca. Abbiamo sempre evitato il dissenso rispetto alla posizione del Governo e del generale Figliuolo con cui collaboriamo, ma lasciare la libertà di decidere per la seconda dose quando una delle due ipotesi è AstraZeneca non aiuta certo a scegliere”.

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a Tagadà su La7 in relazione alla possibilità di somministrare una seconda dose AstraZeneca agli under-60 previo consenso informato: “I più diffidenti avrebbero bisogno di una sola notizia chiara sulla quale allineare le posizioni – ha aggiunto il governatore siciliano – Avremmo preferito una risposta meno dubitativa, più secca, un’indicazione chiara e unica da Roma su come comportarci”.

“Se col senno di poi non avremmo dovuto fare gli Open Day? No, nessun dubbio a posteriori e lo dico con serenità. Eravamo tra i primi in Italia per la vaccinazione, poi con i casi di mortalità di AstraZeneca è cominciata la fase calante e avevamo a quel punto il dovere di inventarci qualsiasi iniziativa per arrivare ai cittadini che non venivano da noi”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a Tagadà su La7 commentando i numeri sulla vaccinazione anti-Covid nell’isola.

“Le abbiamo sperimentate tutte, siamo stati autorizzati per le età inferiori a 60 anni, per i comuni montani e le isole minori – ha sottolineato il governatore – Abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare. Abbiamo predisposto campagne di vaccinazione di prossimità nei comuni con un tasso alto di diffidenti. Dal 15 luglio saranno coinvolte anche le farmacie. Nelle ultime due settimane abbiamo quasi sempre superato il target dato da Roma”, conclude Musumeci.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin