Vaccini, Palù (Aifa): "AstraZeneca non è vietato, ma suggerito over 60" :ilSicilia.it
Banner Bibo

la dichiarazione

Vaccini, Palù (Aifa): “AstraZeneca non è vietato, ma suggerito over 60”

di
11 Aprile 2021

Il vaccino AstraZenecanon è stato vietato, non è controindicato neanche nei più giovani. Si sottoscrive un consenso informato, e se un 40enne o un 50enne lo vuole fare lo può fare, ovviamente c’è una anamnesi. Non c’è nulla che vieti“.

Così il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù a ‘Mezz’ora in più’ di Lucia Annunziata su Rai3. Quella dai 60 in su è “un suggerimento per una età preferenziale” spiega Palù, e “l’approccio non è nè più nè meno che quello cautelativo sulla base dei dati che via via si producono“. Dai 60 ai 70 la vaccinazione è al 12%, lo stesso tra 70 e 80, mentre per over 80 è del 75%.

In queste fasce di popolazione, dai 60 in su, spiega Palù, ci sono i soggetti più esposti al rischio Covid.

Sappiamo che bambini e adolescenti si infettano raramente, dimostrano pochi sintomi, addirittura trasmettono poco e non muoiono, mentre il 65% di mortalità è sugli 80enni. Quindi al di sotto dei 50 anni il rischio è sotto dell’1% di morire, poi nelle decadi più giovani è ancora meno, 0,01%, mentre dai 60 in su comincia a essere del 3% per salire alla decade 70-80 intorno al 12% fino al 19% di rischio morte negli ultraottantenni“, dice il presidente dell’Aifa.

Sugli over 60 per il vaccino AstrZeneca, l’Italia, ricorda Palù, è in linea con la Germania e la Spagna.

I francesi hanno adeguato le loro indicazioni dagli over 55, olandesi e paesi nordici hanno bloccato in attesa di ulteriori dati come il Canada e la Corea del Sud“. Palù ha inoltre sottolineato il fatto che gli studi sono in continuo progresso e “quando si vaccinano milioni di persone” si acquisiscono via via nuovi dati.

Lo vedo che c’è stato un cambio di passo. Quello che io ho chiamato un ‘combinato disposto’ tra un generale degli alpini, esperto di logistica, che ha subito preso mano con decisione e pragmatismo anch’egli alla crisi e un primo ministro che sappiamo è un esperto di economia, e sa fare i conti, e si è subito accorto della priorità di coprire quegli strati di popolazione, gli anziani, che erano i meno vaccinati. Quindi in questo senso c’è stato un cambio di passo netto“. Così il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Giorgio Palù, rispondendo a una domanda di Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in più’ su Rai3 se c’è stato un cambio di passo tra governo Conte e governo Draghi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco