Vaccini, Razza: "Corretta condotta di datori di lavoro su dipendenti" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione dell'assessore alla Salute

Vaccini, Razza: “Corretta condotta di datori di lavoro su dipendenti”

di
31 Luglio 2021

“E’ corretta la condotta di quei datori di lavoro che ritengano di agire sui dipendenti, laddove il proprio personale non si sottopone alla vaccinazione”.

Lo ha detto a Catania, l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, commentando le polemiche sui vaccini nei luoghi di lavoro. L’esponente dell’Esecutivo regionale si trovava presso l’hub di via Forcile (ex mercato ortofrutticolo), insieme al commissario per l’emergenza Covid dell’Area Metropolitana Pino Liberti, facendo il punto sull’effetto green pass e sulle iniziative di vaccinazione estive. Presente all’incontro il sindaco della Città etnea Salvo Pogliese.

“L’impegno che il governo della Regione e tutto il sistema sanitario ha messo in atto per andare incontro il più possibile alle esigenze dei cittadini deve far si che per ogni siciliano la vaccinazione venga vissuta come dovere civico. In questo momento – ha aggiunto l’esponente del governo Musumeci- in Sicilia in degenza ordinaria ci sono oltre 200 persone. di queste l’80,4 per cento non è vaccinata. In terapia sub-intensiva ci sono oltre 50 persone, Di queste l’82 per cento non è vaccinato. In terapia intensiva ci sono 34 persone di queste l’88, 5 per cento non è vaccinato. Complessivamente oltre l’80 per cento della popolazione ospedalizzata non si è sottoposta nemmeno ad un ciclo di vaccinazioni”.

L’assessore Razza, dunque, pone la necessità di sottoporsi all’inoculazione delle dosi previste, ribadendone l’importanza per cercare di debellare il Coronavirus che ancora incalza su tutto il territorio nazionale, complice anche la variante Delta. Un invito rivolto alla cittadinanza siciliana, perché il vaccino rimane l’unica arma di contrasto alla diffusione del contagio da SARS-CoV-2.

“Ho chiesto alle aziende sanitarie della nostra Regione di tornare all’attivazione di tutti i posti letto che erano stati avviati nella fase di maggiore acuzie. Questo non è soltanto legato ai parametri che oggi vedono la percentuale di ospedalizzazione come elemento principale per l’attuazione di misure di restringimento, ma è un dovere ed un obiettivo che stiamo portando avanti, un compito che la Regione si è intestata fin dall’inizio dell’emergenza, quando in pochi mesi abbiamo più che raddoppiato la dotazione di posti letto in terapia intensiva”.

In una regione fortemente provata dall’emergenza economica come la Sicilia, tenere una condotta di lontananza, di disprezzo e di prevenzione ideologica rispetto ala vaccinazione rischia di essere un danno per il sistema sanitario, ma -aggiunge Razza-  da qui alla fine dell’estate può diventare non una emergenza sanitaria, ma una emergenza economica”.

In termini di potenziamento dell’assistenza sanitaria il governo Musumeci ha disposto nei giorni scorsi il raddoppio dei posti letto a bassa intensità di cura nei Covid hotel. “E’ un messaggio di accoglienza che la Sicilia manda a chi viene e chi verrà in questo territorio ad agosto perché in questo momento sono tantissimi i cittadini non italiani risultati positivi ospitati nei gli hotel Covid a carico della Regione Siciliana”

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin