Vaccino AstraZeneca, Minore e Costa: "E' sicuro, eventi avversi irrisori in percentuale" :ilSicilia.it

L'analisi

Vaccino AstraZeneca, Minore e Costa: “E’ sicuro, eventi avversi irrisori in percentuale”

di
23 Aprile 2021

AstraZeneca sì, AstraZeneca no: questo il dilemma. Il vaccino prodotto dall’azienda farmaceutica anglo-svedese divide e soprattutto – a tratti – ‘spaventa’ il popolo siciliano per via dei ‘casi avversi’ che si sono verificati nel mondo.

Eppure i dati diffusi dall’AIFA dicono altro, ovvero che si tratta di un siero estremamente affidabile e che i numeri, nella maggior parte dei casi, sono anche migliori rispetto a quelli degli altri vaccini. Da questo punto di vista per sensibilizzare la popolazione siciliana e spingerla a vaccinarsi il più presto possibile, la Regione ha anche cercato di ‘pubblicizzare’ i numeri, paragonando anche i casi avversi del vaccino AstraZeneca con i casi avversi delle pillole anticoncezionali.

Il dato è che queste ultime presenterebbero addirittura un margine di effetti avversi maggiore, ma nonostante ciò, la popolazione resta divisa tra chi non vede l’ora di vaccinarsi e chi invece attende di poter avere la possibilità di scegliere quale siero farsi inoculare. Quindi si passa da giornate di grandissimo successo, come l’Open weekend che vi è stato negli scorsi fine settimana, dove chiunque – anche senza prenotazione – con età compresa tra 60 e 79 anni e senza patologie poteva vaccinarsi con AstraZeneca, a giornate dove l’hub della fiera del mediterraneo e’ meno affollato.

“Il vaccino Astrazeneca con l’iniziativa ‘Open weekend’ è stato un successo perché ha permesso di vaccinare 25mila persone in tre giorni – dice all’Italpress Mario Minore, referente regionale della task force vaccini in Sicilia –. Questo ci auspichiamo possa essere un nuovo punto di slancio, sperando che la gente si continui a prenotare per vaccinarsi. Alla fine, al contrario di quello che si legge sui giornali, la scienza dice ben altro, ovvero che il vaccino Astrazeneca e’ sicuro e che il vaccino rappresenta l’unico mezzo per uscire dalla pandemia“.

Eppure l’indecisione dei cittadini in alcuni casi resta: “A mio parere me c’è stata un cattiva informazione, anche perché anche gli altri vaccini hanno chiaramente avuto dei casi avversi, ma non hanno fatto notizia – sottolinea Minore -. Credo che qualsiasi farmaco, anche l’Aspirina, possa avere delle complicanze. E’ chiaro che in un momento così delicato per la popolazione leggere notizie come ‘e’ successa questa cosa, aveva fatto il vaccino Astrazeneca’ abbia sicuramente influito negativamente sulle scelte della popolazione riguardo la vaccinazione. I numeri così come sono stati pubblicati parlano chiaro: non stiamo somministrando veleno, ma un siero che rappresenta l’unico mezzo per andare avanti e per raggiungere quell’immunità di popolazione che garantisca la ripresa della vita, delle attività economiche e di tutte quelle cose che il covid ci ha portato via“.

Lo slancio degli ultimi giorni di molti cittadini che si sono vaccinati con AstraZeneca è un primo segno di una rinnovata fiducia: “E’ un vaccino ottimo che ha già permesso di immunizzare un intero popolo, il Regno Unito – dice all’Italpress Renato Costa, commissario straordinario per l’emergenza Covid dell’Asp di Palermo -. La percentuale di eventi avversi, di cui è gravata ogni sostanza farmaceutica, è veramente irrisoria”. Segnali positivi e di ripresa, messaggi incoraggianti anche per via dei numerosi controlli che vengono effettuati su ogni paziente pronto a vaccinarsi: “Una volta giunti nell’hub dove si effettuerà il vaccino c’è un’ulteriore verifica che nel nostro caso è fatta dai nostri medici vaccinatori che spesso sono medici plurispecialistici – ricorda Costa -, assolutamente in grado di poter indicare il tipo di vaccinazione e se è possibile farla in sicurezza. Questo deve essere un ulteriore elemento di serenità per tutti per affrontare la vaccinazione“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti