Valle dei Templi, consiglio di amministrazione nuovo, logiche vecchie :ilSicilia.it
Agrigento

agrigento nel baratro?

Parco della Valle dei Templi, Cda nuovo, logiche vecchie

di
4 Aprile 2017
L’ente Parco della Valle dei Templi ha il nuovo cda, nominato dall’assessore regionale ai Beni culturali, Carlo Vermiglio. A presidente è stato promosso l’ex commissario Bernardo Campo e nel consiglio di amministrazione sono adesso entrati a far parte anche il soprintendente di Agrigento Gabriella Costantino e Sergio Alessandro, un consulente nominato dalla Regione. C’è poi spazio anche per il sindaco di Agrigento, Calogero “Lillo” Firetto e per il direttore del Parco, Giuseppe Parello: entrambi però potranno soltanto assistere alle sedute, ma non avranno diritto di voto.

Dire che la Valle dei Templi sia strategica per la Sicilia è ovvio. Com’è ovvio affermare che l’area archeologica è o dovrebbe essere la punta di diamante di un’azione culturale della Regione Siciliana, che guardi insieme all’offerta turistica, alla valorizzazione del territorio e alla promozione del brand Sicilia. Ecco, tutte condizioni che dopo queste nomine non sembrano neanche all’orizzonte.

Nessuna polemica, per l’amor del cielo, in merito alla professionalità dei nominati. Il problema, infatti, è un altro: manca un collegamento interdisciplinare, mancano cioè – come fa rilevare giustamente Legambiente – le condizioni in grado di assicurare quella rappresentatività data da esperti in diverse discipline, che possano garantire quelle condizioni di cui sopra: non si vede nel cda la presenza di esperti nelle diverse aree tematiche: archeologia, paesaggio, geologia, economia, agronomia, turismo. E non è tutto, sempre Legambiente rileva come manchi del tutto anche la presenza di rappresentanti degli enti locali (sindaco, presidente Camera di commercio, presidente della Provincia). Sì, è vero, il sindaco fa parte del Consiglio di amministrazione, ma il suo ruolo è puramente consultivo.

E infatti, le parole più dure arrivano proprio dal primo cittadino agrigentino Lillo Firetto, secondo cui “Il Governo regionale dopo aver privato il Comune di Agrigento della sua parte degli introiti del Parco Archeologico della Valle dei Templi, nomina un consiglio di amministrazione distante dal territorio e mal assortito, senza alcuna connotazione scientifica o accademica, togliendo al sindaco di Agrigento il diritto di voto, di cui ha sempre goduto. La nomina del cda del Parco, attesa da 7 anni, si trasforma in un palese attacco alla città”.

E infine, non poteva non mancare la stoccata degli albergatori che si sentono presi dai turchi: “Un bene della città e per la città – osserva Assohotel Sicilia Centro Meridionale – come ai tempi dei Romani viene assegnato in gestione a propri uomini fidati che nulla hanno a che spartire con il territorio. Manca del tutto una rappresentatività degli enti locali”.

Insomma, il solito pasticcio in salsa siciliana è servito.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.