Valle dei Templi, consiglio di amministrazione nuovo, logiche vecchie :ilSicilia.it
Agrigento

agrigento nel baratro?

Parco della Valle dei Templi, Cda nuovo, logiche vecchie

4 Aprile 2017

L’ente Parco della Valle dei Templi ha il nuovo cda, nominato dall’assessore regionale ai Beni culturali, Carlo Vermiglio. A presidente è stato promosso l’ex commissario Bernardo Campo e nel consiglio di amministrazione sono adesso entrati a far parte anche il soprintendente di Agrigento Gabriella Costantino e Sergio Alessandro, un consulente nominato dalla Regione. C’è poi spazio anche per il sindaco di Agrigento, Calogero “Lillo” Firetto e per il direttore del Parco, Giuseppe Parello: entrambi però potranno soltanto assistere alle sedute, ma non avranno diritto di voto.

Dire che la Valle dei Templi sia strategica per la Sicilia è ovvio. Com’è ovvio affermare che l’area archeologica è o dovrebbe essere la punta di diamante di un’azione culturale della Regione Siciliana, che guardi insieme all’offerta turistica, alla valorizzazione del territorio e alla promozione del brand Sicilia. Ecco, tutte condizioni che dopo queste nomine non sembrano neanche all’orizzonte.

Nessuna polemica, per l’amor del cielo, in merito alla professionalità dei nominati. Il problema, infatti, è un altro: manca un collegamento interdisciplinare, mancano cioè – come fa rilevare giustamente Legambiente – le condizioni in grado di assicurare quella rappresentatività data da esperti in diverse discipline, che possano garantire quelle condizioni di cui sopra: non si vede nel cda la presenza di esperti nelle diverse aree tematiche: archeologia, paesaggio, geologia, economia, agronomia, turismo. E non è tutto, sempre Legambiente rileva come manchi del tutto anche la presenza di rappresentanti degli enti locali (sindaco, presidente Camera di commercio, presidente della Provincia). Sì, è vero, il sindaco fa parte del Consiglio di amministrazione, ma il suo ruolo è puramente consultivo.

E infatti, le parole più dure arrivano proprio dal primo cittadino agrigentino Lillo Firetto, secondo cui “Il Governo regionale dopo aver privato il Comune di Agrigento della sua parte degli introiti del Parco Archeologico della Valle dei Templi, nomina un consiglio di amministrazione distante dal territorio e mal assortito, senza alcuna connotazione scientifica o accademica, togliendo al sindaco di Agrigento il diritto di voto, di cui ha sempre goduto. La nomina del cda del Parco, attesa da 7 anni, si trasforma in un palese attacco alla città”.

E infine, non poteva non mancare la stoccata degli albergatori che si sentono presi dai turchi: “Un bene della città e per la città – osserva Assohotel Sicilia Centro Meridionale – come ai tempi dei Romani viene assegnato in gestione a propri uomini fidati che nulla hanno a che spartire con il territorio. Manca del tutto una rappresentatività degli enti locali”.

Insomma, il solito pasticcio in salsa siciliana è servito.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona