Valori e divulgazione scientifica :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

DIFFONDERE I PROPRI RISULTATI AL PUBBLICO

Valori e divulgazione scientifica

di
28 Febbraio 2020

Distraiamoci un po’ dal coronavirus e cambiamo argomento guardando ad una prospettiva diversa. Parliamo di quanto gli scienziati abbiano lottato e continuino a lottare per comunicare efficacemente le loro ricerche al pubblico.

Quanti medici e scienziati abbiamo sentito in questi giorni? Tanti, ma non tutti ci hanno dato sicurezza e trasmesso autenticità. Su questo tema ho letto recentemente uno studio di un team di ricercatori dell’Università del Missouri e dell’Università del Colorado, che sottolinea come gli scienziati possano guadagnare fiducia e comunicare autenticità nei confronti del pubblico che li ascolta, mostrando, oltre alla fondatezza del messaggio, il loro lato umano.

Nello specifico, le narrazioni in prima persona possono aiutare a stabilire una connessione empatica tra lo scienziato e il pubblico, che così comprenderà meglio anche gli argomenti più complessi. Uno degli autori, SiSi Hu, ricercatore presso la Scuola di Giornalismo del Missouri, afferma che il più delle volte gli scienziati, quando parlano delle loro ricerche, non considerano il pubblico che li sta valutando: “in genere il pubblico riesce a capire cosa lo scienziato gli sta presentando, ma ogni persona capisce a modo suo e lo scienziato non si cura di risultare autentico.

Invece, deve instaurarsi una fiducia reciproca: lo scienziato deve fidarsi del pubblico tanto quanto il pubblico si fida dello scienziato e del suo messaggio”. Sulla base di questo assunto, il team, dopo aver completato un accurato studio della letteratura esistente, ha creato una teoria sull’autenticità percepita nella comunicazione scientifica: uno scienziato è comunque una persona con i propri valori e, inevitabilmente, il suo messaggio rifletterà quei valori.

Questa teoria è stata provata attraverso un sondaggio di 19 domande sull’autenticità. Le domande erano su una descrizione di una ricerca pubblicata sulle piante e su un gruppo di messaggi narrativi assegnati in modo casuale che tentavano di spiegare tale ricerca. Il gruppo di messaggi includeva una storia, tratta dalle esperienze di vita reale di J. Chris Pires (professore di Scienze Biologiche presso il MU College of Arts and Science) su come cominciò ad interessarsi alla scienza delle piante.

Dai risultati ottenuti, i ricercatori hanno concluso che se uno scienziato condivide la propria storia dello sviluppo dell’origine del suo interesse per l’argomento che tratta, attraverso una narrazione in prima persona e senza l’uso di forme istituzionali, le persone sono più inclini a percepirlo come autentico sulla base di un sentimento di connessione.

Il team ha anche trovato che le qualità narrative dell’autenticità percepita, si allineano strettamente con la generosità e la moralità, due tratti della personalità che possono aiutare un pubblico a creare fiducia con la persona che consegna il messaggio. Riflettiamo su questo: che i comportamenti, l’esempio, e ciò che questo studio ci consegna, servano a fornire agli scienziati un po’ di saggezza, una guida e degli strumenti utili da utilizzare per migliorare la comunicazione delle loro ricerche al pubblico.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti