Valzer di deputati all'Ars, Udc all'angolo in vista del rimpasto alla Regione :ilSicilia.it

Pierobon sulla graticola

Valzer di deputati all’Ars, Udc all’angolo in vista del rimpasto alla Regione

di
17 Novembre 2020

Il passaggio del deputato regionale Vincenzo Figuccia alla Lega, annunciato dall’ormai ex Udc – che porterà in dote al Carroccio anche la sorella Sabrina, consigliere comunale a Palermo, e il fratello Marco, consigliere di vincenzo figucciacircoscrizione nel capoluogo – si è consumato in una domenica di novembre, dopo che per mesi l’onorevole era in odore di abbandonare la nave di Cesa per trasferirsi, famiglia e bagagli, alla corte di Salvini.

Un ingresso che va a rimpinguare il gruppo del Carroccio a Sala d’Ercole, dopo gli addii dei mesi scorsi di Marianna Caronia e Giovanni Bulla, che avevano ridotto la truppa dei componenti del gruppo al lumicino, con appena due deputati, Antonio Catalfamo e Orazio Ragusa. Decisamente pochi, soprattutto in considerazione del fatto che alcuni alleati alla Regione (leggasi Forza Italia) hanno rinfoltito la propria deputazione e adesso, in vista di un possibile rimpasto, potrebbero ‘battere cassa’, con Gianfranco Micciché pronto ad andare all’incasso con Nello Musumeci. Ecco, dunque, che la Lega risponde con l’ingresso di Figuccia, che dovrebbe garantire il posto all’assessore ai Beni culturali e all’Identità siciliana Alberto Samonà.

Chi perde pezzi a Sala d’Ercole è invece l’Udc. L’ultimo ad avere annunciato l’addio ai centristi a Sala d’Ercole è stato

Danilo Lo Giudice
Danilo Lo Giudice

Danilo Lo Giudice, mentre nei giorni scorsi era stata Margherita La Rocca Ruvolo a salutare tutti per passare alla corte di Micciché. Di Vincenzo Figuccia abbiamo detto. I centristi, dunque, passano a tre soli deputati. Una deputazione risicata per giustificare due assessori. E se Mimmo Turano può contare sul peso delle preferenze trapanesi, potrebbe essere barcollante, invece, il tecnico Alberto Pierobon.

IL CARROCCIO AL COMUNE DI PALERMO

Ma i Figuccia sono più di uno, come abbiamo visto. Oltre a Vincenzo all’Ars fanno il loro ingresso nel Carroccio Sabrina e Marco, che vanno a rinfoltire le truppe al consiglio comunale di Palermo e alla quinta circoscrizione. Un ‘corollario’ che però non sembra avere acceso gli entusiasmi dei colleghi leghisti in città, in particolare a Sala delle Lapidi, dove le bocche dei tre consiglieri comunali del Carroccio sono rimaste cucite: nessun commento da parte di Alessandro Anello, Igor Gelarda ed Elio Ficarra, i tre inquilini di Palazzo delle Aquile che fanno capo al Carroccio. Sembra, infatti, che l’ingresso dei componenti della famiglia Figuccia non sia stata una decisione esattamente condivisa, e questo avrebbe provocato qualche mal di pancia. Toccherà a Stefano Candiani, adesso, fare da collante, soprattutto al Comune di Palermo, dove gli equilibri cambiano anche in virtù di un arrivo ‘ingombrante’.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin