Vampe di San Giuseppe, aggrediti operai della Rap a Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'accusa del sindaco Orlando

Vampe di San Giuseppe, aggrediti operai della Rap a Palermo

di
14 Marzo 2018

Proseguono a Palermo, con il supporto degli agenti della polizia di Stato e dei vigili del fuoco, le operazioni di prevenzione svolte dalla Rap per la rimozione di cataste di legna accumulate in diverse zone della città, a cui viene poi dato fuoco, le cosiddette “vampe di San Giuseppe“.

Ieri alcuni operai della Rap sono stati aggrediti. E così l’azienda ha chiesto il supporto delle forze dell’ordine per poter proseguire in questa azione “che – sottolinea il sindaco Leoluca Orlando – serve a prevenire situazioni di pericolo per le persone e per l’ambiente, visto che spesso vengono bruciati materiali e sostanze pericolose o che le fiamme arrecano danni alle infrastrutture”.

Il primo cittadino ha espresso “solidarietà ai lavoratori dell’azienda e a tutti coloro che sono coinvolti in queste attività ma a volte sono oggetto di attacchi violenti ed incivili. Nessun rispetto di alcuna tradizione autorizza comportamenti inaccettabili”.

Intanto, a Palermo le cataste di legna poste in varie piazze della città aumentano, segno che, evidentemente, i provvedimenti dell’amministrazione e i controlli, non bastano a dissuadere la gente dallì’organizzare le tradizionali vampe.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.