Vampe di San Giuseppe, Palermo come un campo di battaglia: roghi dappertutto | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici

Vampe di San Giuseppe, Palermo come un campo di battaglia: roghi dappertutto

di
19 Marzo 2019

A Palermo, ancora nel 2019, è usanza accendere roghi in città per onorare San Giuseppe: “Una volta si bruciava legna raccolta nelle campagne, per celebrare il rito della primavera, della rinascita della natura dopo il freddo inverno. In città c’erano poche auto e le strade non erano distrutte da scavi e asfalto pessimo”, dicono dall’Associazione Comitati Civici Palermo.

Oggi si brucia spazzatura o legname trattato con vernici che sprigionano fumi tossici, in prossimità di auto ed abitazioni, mettendo a rischio la salute di tutti, bambini compresi” denuncia l’associazione.

Cataste anche vicino l’ospedale dei Bambini, in mezzo alle auto in strade strette, come la via Vito D’Ondes Reggio, in zona Stazione Centrale: “Più che una tradizione sembra una sfida per affermare il “controllo” del territorio. Nonostante il dispiegamento di tante squadre, non si è riusciti a scongiurare la produzione di rifiuti tossici e l’inquinamento dell’aria cittadina, già abbondantemente compromessa da altri fattori. Sono state bruciate anche pile di copertoni di automobili” si legge alla fine della segnalazione sulle vampe.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin