Vampe di San Giuseppe, Palermo come un campo di battaglia: roghi dappertutto | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici

Vampe di San Giuseppe, Palermo come un campo di battaglia: roghi dappertutto

di
19 Marzo 2019

A Palermo, ancora nel 2019, è usanza accendere roghi in città per onorare San Giuseppe: “Una volta si bruciava legna raccolta nelle campagne, per celebrare il rito della primavera, della rinascita della natura dopo il freddo inverno. In città c’erano poche auto e le strade non erano distrutte da scavi e asfalto pessimo”, dicono dall’Associazione Comitati Civici Palermo.

Oggi si brucia spazzatura o legname trattato con vernici che sprigionano fumi tossici, in prossimità di auto ed abitazioni, mettendo a rischio la salute di tutti, bambini compresi” denuncia l’associazione.

Cataste anche vicino l’ospedale dei Bambini, in mezzo alle auto in strade strette, come la via Vito D’Ondes Reggio, in zona Stazione Centrale: “Più che una tradizione sembra una sfida per affermare il “controllo” del territorio. Nonostante il dispiegamento di tante squadre, non si è riusciti a scongiurare la produzione di rifiuti tossici e l’inquinamento dell’aria cittadina, già abbondantemente compromessa da altri fattori. Sono state bruciate anche pile di copertoni di automobili” si legge alla fine della segnalazione sulle vampe.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.