Vela, a Palermo il campionato nazionale Ionio e basso Tirreno :ilSicilia.it
Palermo

TRE GIORNI DI REGATE

Vela, a Palermo il campionato nazionale Ionio e basso Tirreno

19 Aprile 2019

Dal 25 al 28 aprile a Palermo sarà di scena la vela con il “Campionato Nazionale Ionio e basso Tirreno” , appuntamento valido per la qualificazione al campionato assoluto italiano d’altura assegnato da Federvela – Uvai e che sarà di scena nel prossimo mese di Luglio in quel di Crotone. Saranno campi di gara dell’evento sportivo i golfi di Palermo e quello di Mondello, in una bellissima cornice offerta dalla costa palermitana.

A organizzare la manifestazione i circoli velici riuniti, denominazione del comitato organizzatore che ha messo insieme, per lavorare fianco a fianco alla riuscita della manifestazione che rappresenta la regata più prestigiosa della VII Zona Fiv, i circoli storici che rappresentano la marineria palermitana: Club Canottieri Roggero di Lauria, Circolo della Vela Sicilia, Società Canottieri Palermo, Centro Velico Siciliano, Lega Navale Italiana Palermo e Yacht Club Mediterraneo.

Ci saranno trenta imbarcazioni a darsi battaglia nelle tre giornate di gara. La flotta sarà formata da un livello medio piuttosto alto di equipaggi: a sfidare i team palermitani saranno in undici che arriveranno da Reggio Calabria, Catania, Siracusa, Messina, Sciacca e Licata. Le barche saranno ormeggiate alla Cala a disposizione di appassionati, curiosi e per i controlli del comitato organizzatore dalle 9 alle 19 di giovedì 25 aprile, poi tutti in acqua per le regate dal venerdì alla domenica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.