26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

TRE GIORNI DI REGATE

Vela, a Palermo il campionato nazionale Ionio e basso Tirreno

19 Aprile 2019

Dal 25 al 28 aprile a Palermo sarà di scena la vela con il “Campionato Nazionale Ionio e basso Tirreno” , appuntamento valido per la qualificazione al campionato assoluto italiano d’altura assegnato da Federvela – Uvai e che sarà di scena nel prossimo mese di Luglio in quel di Crotone. Saranno campi di gara dell’evento sportivo i golfi di Palermo e quello di Mondello, in una bellissima cornice offerta dalla costa palermitana.

A organizzare la manifestazione i circoli velici riuniti, denominazione del comitato organizzatore che ha messo insieme, per lavorare fianco a fianco alla riuscita della manifestazione che rappresenta la regata più prestigiosa della VII Zona Fiv, i circoli storici che rappresentano la marineria palermitana: Club Canottieri Roggero di Lauria, Circolo della Vela Sicilia, Società Canottieri Palermo, Centro Velico Siciliano, Lega Navale Italiana Palermo e Yacht Club Mediterraneo.

Ci saranno trenta imbarcazioni a darsi battaglia nelle tre giornate di gara. La flotta sarà formata da un livello medio piuttosto alto di equipaggi: a sfidare i team palermitani saranno in undici che arriveranno da Reggio Calabria, Catania, Siracusa, Messina, Sciacca e Licata. Le barche saranno ormeggiate alla Cala a disposizione di appassionati, curiosi e per i controlli del comitato organizzatore dalle 9 alle 19 di giovedì 25 aprile, poi tutti in acqua per le regate dal venerdì alla domenica.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.