19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

TRE GIORNI DI REGATE

Vela, a Palermo il campionato nazionale Ionio e basso Tirreno

19 Aprile 2019

Dal 25 al 28 aprile a Palermo sarà di scena la vela con il “Campionato Nazionale Ionio e basso Tirreno” , appuntamento valido per la qualificazione al campionato assoluto italiano d’altura assegnato da Federvela – Uvai e che sarà di scena nel prossimo mese di Luglio in quel di Crotone. Saranno campi di gara dell’evento sportivo i golfi di Palermo e quello di Mondello, in una bellissima cornice offerta dalla costa palermitana.

A organizzare la manifestazione i circoli velici riuniti, denominazione del comitato organizzatore che ha messo insieme, per lavorare fianco a fianco alla riuscita della manifestazione che rappresenta la regata più prestigiosa della VII Zona Fiv, i circoli storici che rappresentano la marineria palermitana: Club Canottieri Roggero di Lauria, Circolo della Vela Sicilia, Società Canottieri Palermo, Centro Velico Siciliano, Lega Navale Italiana Palermo e Yacht Club Mediterraneo.

Ci saranno trenta imbarcazioni a darsi battaglia nelle tre giornate di gara. La flotta sarà formata da un livello medio piuttosto alto di equipaggi: a sfidare i team palermitani saranno in undici che arriveranno da Reggio Calabria, Catania, Siracusa, Messina, Sciacca e Licata. Le barche saranno ormeggiate alla Cala a disposizione di appassionati, curiosi e per i controlli del comitato organizzatore dalle 9 alle 19 di giovedì 25 aprile, poi tutti in acqua per le regate dal venerdì alla domenica.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.