Velodromo di Palermo, De Filippis: "Ora basta, affidiamolo ai privati" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Velodromo di Palermo, De Filippis: “Ora basta, affidiamolo ai privati”

di
23 Settembre 2020

“Ora basta, i palermitani hanno il sacrosanto diritto di riavere la fruizione del Velodromo, negata ormai da fin troppo tempo. L’amministrazione comunale faccia subito chiarezza sulle responsabilità dei gravi errori di procedura e progettazione che hanno nuovamente bloccato i lavori e, soprattutto, affidi tramite un bando la gestione della struttura ai privati”.

Lo afferma il coordinatore cittadino di DiventeràBellissima, Eduardo De Filippis, lanciando un appello in tal senso all’assessore comunale allo Sport, Paolo Petralia, a commento della notizia relativa ai progetti da rifare per il campo e le tribune.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin