Vendevano droga nei luoghi della movida e a scuola, blitz nel Messinese: 6 arresti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

fra patti, gioiosa e barcellona

Vendevano droga nei luoghi della movida e a scuola, blitz nel Messinese: 6 arresti

10 Dicembre 2019

Operazione antidroga dei carabinieri nel messinese tra Patti, Gioiosa Marea e Barcellona Pozzo di Gotto. In esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Patti (Me) e dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Messina, i carabinieri hanno arrestato 6 persone; tra i quali un minorenne.

Inoltre sono stati eseguiti altri 4 provvedimenti cautelari con l’applicazione dell’obbligo di dimora a carico di 3 persone e l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria per una donna. Tutti gli indagati sono accusati di traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Le indagini hanno consentito di portare alla luce una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti, costituita da ragazzi che cedevano marijuana e cocaina a giovanissimi acquirenti, talvolta minorenni, non solo nei luoghi della movida dei comuni di Patti e Gioiosa Marea ma anche, all’esterno di alcuni istituti scolastici.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Gli arrestati stamani a Patti (Me) con l’accusa di traffico e detenzione di sostanze stupefacenti in concorso, nell’ambito dell’operazione “Piramide“, che si trovano ai domiciliari, sono il cubano Gonzalez Perez Ignacio Francisco, 29 anni, Marco Pietro Calabrese, 26 , Alessandro D’Amico 25, Michael Morciano, 20, Rosario Lo Presti, 22, e M. G., 18, all’epoca dei fatti minorenne, condotto invece in un istituto di custodia per minori.

Sono sottoposti a obbligo di dimora Mauro Corica, 37 anni, e Agostino Sangiorgio e Andrea Soloperto, entrambi 20 anni; sottoposta a obbligo di presentazione alla P.G. Daniela Sorbera, 36 anni.

Gonzalez, Corica e Calabrese, sono accusati anche di estorsione.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.