Venti autori raccontano i "Presentimenti" in un volume | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il libro è curato dall'associazione flavio beninati

Venti autori raccontano i “Presentimenti” in un volume

di
6 Giugno 2019

Si intitola “Presentimenti” ed è un volume pubblicato da Qanat nella collana Quadrifogli, curata dall’Associazione Flavio Beninati. Il libro raccoglie racconti di venti autori – alcuni hanno già pubblicato, per altri è la prima volta – che raccontano di presentimenti, inquietudini, aspettative, a volte di percezioni sottili, presagi, intuizioni enigmatiche che solo alla luce di nuovi eventi troveranno, forse, chiarezza.

Il volume sarà presentato domenica 9 giugno alle 16,30 ad “Una marina di libri”. 

Chi parte da un sogno, chi da un’ansia personale, chi da un’inquietudine collettiva, chi, in fondo,  da un desiderio; un evento interiore, un segno colto oscuramente si sporge su qualcosa d’altro, un affondo nella memoria apre all’immaginazione del possibile; lo sguardo cerca profondità di campo per non soffocare nella serialità afona delle immagini. “Che cosa strana sono mai i presentimenti, le simpatie e anche i presagi!” scrive Charlotte Brontë. “Non ho mai riso dei presentimenti in vita mia (…) I presagi poi potrebbero essere simpatie fra la natura e l’uomo.”

E, del resto, che cosa fa chi si mette a scrivere se non mettersi in ascolto di qualcosa che gli arriva da un altrove difficile da individuare? La Musa, dicevano gli antichi; l’inconscio o lo spazio letterario, si è detto nel secolo scorso. Comunque, altri mondi che non conosciamo pur avendone il presentimento.

“Questo volume della collana Quadrifogli – sottolineano Beatrice Agnello e Carla Garofalo – raccoglie racconti di diversi autori. Nasce dal desiderio di dare spazio alla narrazione breve e al lavoro collettivo che pratichiamo nei laboratori di scrittura dell’Associazione Flavio Beninati. Abbiamo cercato un tema comune, il più possibile aperto all’interpretazione, per preservare personalità e ottiche differenti e sottolinearne la varietà nel confronto; la scelta è caduta sui presentimenti, percezioni ambigue imparentate con gli enigmi. Il tema può essere svolto anche con il sorriso sulle labbra, con ironia, da scettici. Ma “presentimento” è soprattutto una parola chiave per cercare di sfuggire all’appiattimento sul presente o su un passato non più fecondo;un grimaldello per spingere ogni autore a fertilizzare memorie ed esperienze con il seme del possibile,che vive dentro di noi spesso nascosto od oscuro”.

“Il tentativo di decifrare o di esplicitare quel che ci sta acquattato dentro – concludono – al di là della nostra coscienza, è fra l’altro una delle avventure più affascinanti che ci permette la scrittura. Un’avventura che hanno corso gli autori di questo libro: a voi lettori la valutazione degli esiti, ma anche, crediamo, il piacere di seguirla, perché alcuni presentimenti che vi sfileranno davanti vi stupiranno, ma in qualcuno non potrete non riconoscere anche il vostro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco