Ventimiglia di Sicilia, palcoscenico d'autore: arrivano le stelle del corpo di ballo del Teatro Massimo :ilSicilia.it
Palermo

Uno spettacolo nel ricordo di Camilleri

Ventimiglia di Sicilia, palcoscenico d’autore: arrivano le stelle del corpo di ballo del Teatro Massimo

19 Luglio 2019

L’ estate ventimigliese si apre in grande stile. Dopo il grande successo delle precedenti trasferte, il Teatro Massimo di Palermo torna a fare tappa a Ventimiglia con una novità. L’anfiteatro comunale appena restituito alla comunità è pronto ad accogliere il Corpo di Ballo per lo spettacolo “Danza d’autore… Bolero“.

Un appuntamento imperdibile, parte integrante della stagione estiva che riporta l’eccellenza a Ventimiglia, per una notte “palcoscenico stellare“. Un omaggio ai grandi balletti fra tradizione e innovazione. Da “La Bella addormentata” a “Giselle” fino al celebre “Bolero” di Ravel: coreografie appassionanti e danzatori di prestigio, regaleranno momenti unici e indimenticabili.

La cultura è sempre ragionata inclusione, mai partigiana esclusione“. Così scriveva Andrea Camilleri e, allo scrittore siciliano recentemente scomparso, al papà del Commissario Montalbano, il sindaco Antonio Rini, dedica questa iniziativa.

Il Teatro Massimo, un’eccellenza mondiale, sceglie ancora una volta Ventimiglia per uno spettacolo straordinario. É la conferma che anche un piccolo comune della provincia possa e debba investire sulla cultura condividendola come ricorda Camilleri. Un principio su cui questa Amministrazione ha scommesso da sempre. Un arricchimento tout court, utile anche al rilancio dell’economia del nostro territorio“, afferma il sindaco.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona