Vergogna al cimitero dei Rotoli. Gelarda: "La Lega ha presentato esposto in Procura" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

"se ci sono responsabili, paghino"

Vergogna al cimitero dei Rotoli. Gelarda: “La Lega ha presentato esposto in Procura”

di
9 Luglio 2020

“La Lega ha presentato un esposto in Procura per la vergognosa situazione delle bare a deposito al cimitero dei Rotoli” dichiara il capogruppo della Lega a palazzo delle Aquile Igor Gelarda.

Igor Gelarda vert“La situazione è insopportabile e intollerabile. Siamo stati, da un lato, coperti di ridicolo in tutta Italia, visto che la notizia è abbondantemente “passata” anche sugli organi di stampa e tg nazionali. E dall’altro tutto ciò è vergognoso verso quello che è il culto della Pietà nei confronti dei morti. Pietà verso i defunti che gli esseri umani hanno avuto sin dalla notte dei tempi e che nella Palermo del 2020 sembra non potersi più praticare.  In questi giorni abbiamo ricevuto decine di segnalazioni di parenti che sono costretti a vedere i propri cari “a deposito” da diversi mesi. Persone che hanno perso la madre, il padre o un fratello e che soffrono già tanto per questo distacco. Inoltre riteniamo che si potrebbe porre anche un pericolo sanitario, acuito dalle alte temperature estive, oltre che di incuria e di cattiva gestione. I progetti di ampliamento, la realizzazione di un nuovo cimitero e del nuovo forno  crematorio sono fermi al palo e non si riesce a superare questa fase di emergenza che è ormai diventata annosa”, dice Gelarda.

“C’è è stato anche l’intervento del Vescovo che,  seppur pacatamente, non ha potuto fare a meno di dire la sua su questa vicenda e chiedere la sistemazione delle salme. La Lega, che continua a ripetere che la soluzione politica  unica per salvare la città sarebbe quella delle dimissioni immediate del sindaco Orlando, ha pertanto ritenuto opportuno chiedere alla procura di Palermo di verificare se siano stati commessi dei reati e, qualora venissero individuati dei responsabili di questo scempio, che paghino.  Palermo ed i palermitani non possono tollerare questo tipo di umiliazione da parte di chi, evidentemente non sa governare” conclude Igor Gelarda.

 

 

LEGGI ANCHE:

Rotoli, Lorefice scrive a Orlando: “Soluzioni non decorose per la collocazione delle bare” | LA LETTERA

Emergenza cimiteri a Palermo, scatta l’esposto in Procura | FOTO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti