“Verrà un giorno” disse fra Cristoforo …. :ilSicilia.it

Arriverà il momento in cui si potrà tornare a viaggiare con normalità

“Verrà un giorno” disse fra Cristoforo ….

di
7 Maggio 2021

Carissimi

Verrà un giorno”, ci disse fra Cristoforo ….

Arriverà il momento in cui si potrà tornare a viaggiare con normalità e io, dopo averlo rinviato per anni, vorrei andare in oriente in Cina. Si un domani sogno di andare a conoscere il Dr. Zao Zing (supponiamo si chiami così) che quel giorno nel laboratorio di Wuhan disse: “cazzo ho sbagliato“.

Lui non avrebbe neanche bisogno di chiedermi in qualunque lingua, “posso esserle utile, chi sta cercando”, ma dalla mia espressione dovrebbe già comprendere ed iniziare a correre, corridoi corridoi, urlando nella sua lingua: “aiuto mi vogliono ammazzare”!

Ma quale ammazzare? Non farei una cosa del genere a qualunque essere vivente, io vorrei fare soltanto ci che facevano i ns genitori degli anni sessanta quando si facevano trovare a casa in canottiera e con la cinghia dei pantaloni in mano ………. “mchia cuorpi di curria”, così tanti mentre lui continuerebbe a dire “ahi mi fai male”, ma in Cinese e quindi non parlandolo, continuerei senza capirlo ma continuando a dire dopo ogni colpo di cinghia sul sedere: “hai sbagliato? Dillo un’altra volta? Hai sbagliato ……te cca lazzaruni …. cunsuna umanità!

Si, perché mai come in questo caso si tratta di un “cunsuma umanità”, altro che famiglie.

Ma questi giochi che si fanno sono? Ma in laboratorio non lo avevano il piccolo chimico? Con queste cose si gioca?

Il bello che noi vedevamo il filmato su YouTube mentre in una settimana alzavano un complesso ospedaliero a tempo di record e pensavamo: “ma guarda che sono stati bravi?” Noi curiosi, ma loro già lo sapevano di aver combinato un grande casino.

Ho sbagliato”, piccolo giarno individuo ma tu lo sai che danno hai combinato? Un mondo hai infettato, un mondo relegato in casa per più di un anno, hai costretto gli impiegati pubblici a fare lo “Smart working”, secondo Brunetta tradotto in “nonfareuncazzo a casa propria”, ti rendi conto?

Hai riportato Brunetta a ministro che mi continua a parlare di riforma della pubblica amministrazione, hai defenestrato Trump, unico caso di presidente americano che non ha fatto il secondo mandato, sei riuscito a portare gli americani a dargli attenzione, cosa che fino a quel momento nessuno aveva fatto davanti alle tante cazzate sparate (solo De Niro), sei riuscito a fargli dichiarare che “il covid non esiste”, sei riuscito a fargli organizzare una passeggiata di salute con scampagnata in Campidoglio che certamente diventerà una  serie di Netflix.

Sei stato tu Zao Zing o come cavolo ti chiami. Te ne esci con “cazzo ho sbagliato” e nel fiore dell’età ti sei portato via “Folippo” e la Regine piange ancora, ma tu lo capisci? Se non fosse stato che il virus un po’ di dignità ce l’ha pure lui, si sarebbe portato anche Boris il Biondo che prima spagheggiava e poi se la è vista stones, stones e tu dici ho sbagliato?

Vorrei guardarti negli occhi e chiederti: “ma metterti un ristorante cinese come i tuoi parenti e vendereinvoltini plimavela” no?”

Ci ha costretto a vedere il calcio come un gioco da oratorio di parrocchia senza pubblico?

E tutti i morti? Le terapie intensive? I turni massacranti del personale sanitario? Giusto ti pari?

E dopo una solenne dose di fracchiata di vastunati, non letali, ma da lasciartene memoria finchè campi ti vorrei chiedere: “per caso, chi ha studiato e prodotto questi vaccini antivirus è tuo collega?

Non peraltro, non vorrei che dopo che ci hanno vaccinati tutti, lui possa dire: “cazzo, ho sbagliato!

Un abbraccio, Epruno

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin