Verso la Pasqua: a Trapani “Il Risorto che Unisce” | FOTO :ilSicilia.it
Trapani

da venerdì 10 a lunedì 13 aprile

Verso la Pasqua: a Trapani “Il Risorto che Unisce” | FOTO

di
7 Aprile 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

In questo sconfortante momento, il cui destino dell’intera umanità appare soggiogato e incerto, l’artista Marco Papa presidente dell’associazione culturale “L’Uomo Sulla Terra”, la cui sede è a Erice, insieme all’artista Andrea Aquilanti, reagiscono proponendo alla città due opere pensate per la Pasqua, in un unico evento “Il Risorto che Unisce”. Ricordando con coraggio i valori cristiani e umani in cui sono fondate le nostre vite e la nostra Italia.

“Cristo Nudo” di Marco Papa: Nel giorno del Venerdì Santo, 10 Aprile, alle ore 12:00, all’inizio di via Giovanni Battista Fardella (tra piazza Vittorio Emanuele e Fontana di Tritone) ad un’altezza 15 metri da terra circa, appeso da una gru, simbolo del lavoro, appare una scultura bianca a braccia aperte, è Cristo crocifisso, il suo corpo bianco candido, trafitto nei polsi, nei piedi e nel costato, è l’impronta di un uomo nudo, di una persona di 33 anni, di razza semita.

“Cristo Nudo” di Marco Papa - il risorto che unisce - foto 03È nudo il Cristo, ha solo la Corona di Spine in capo, come lo era in verità sulla Croce, è nudo perché è privo di peccati come in principio lo era Adamo, è nudo perché: “Nudo sono uscito dal seno di mia madre, e nudo tornerò in seno della terra; l’Eterno ha dato, l’Eterno ha tolto; sia benedetto il nome dell’Eterno”, Giobbe 1:21.

“Sepolcro di Luce” di Andrea Aquilanti: Sabato 11 Aprile, a mezzanotte, sulla parte più alta del campanile della Chiesa di Nostra Signora di Fatima, una proiezione video, che si adagia sulle sue pareti e nella aperture del campanile, evocando il Santo Sepolcro, appaiono immagini in sequenza di nuvole, il sole all’alba, uccelli in volo, la luna, la pioggia e altro.

Si evoca la luce del mondo che entra all’interno del Sepolcro immediatamente dopo la sua apertura a comporre e celebrare, insieme al suono delle campane liberate, la luce divina che a sua volta erompe nel mondo rinnovando l’antico patto tra Dio e l’Uomo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.