Verso le urne, +Europa scalda i motori con Emma Bonino a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

al teatro orione

Verso le urne, +Europa scalda i motori con Emma Bonino a Palermo

17 Maggio 2019

Ad una settimana dalle elezioni europee del 26 maggio, arriva a Palermo Emma Bonino, storica leader dei Radicali, ex ministro degli Esteri, da sempre europeista al punto di aver fondato un partito che si chiama proprio +Europa. L’appuntamento è per domenica 19 maggio alle 11 al Teatro Orione di via Don Orione 5. L’ingresso è libero.

All’incontro, fortemente voluto e organizzato in collaborazione con il consigliere Giulio Cusumano, presidente dei Comitati Civici, e con l’avvocato Leonardo Canto, interverrà Fabrizio Ferrandelli capolista, coordinatore regionale di +Europa e della campagna per le europee in Sicilia e Sardegna e gli altri candidati della circoscrizione insulare, persone accomunate da una storia di impegno in difesa dei diritti delle persone e della dignità dei territori del Mezzogiorno, uniti da una sola parola d’ordine, ripresa come hashtag anche sui social network: #Oggi.

Al trentottenne palermitano, consigliere comunale e leader de “I Coraggiosi”, seguono l’avvocato penalista Pietrina Putzolu, 54 anni, sassarese; la palermitana Stefania Ficani, manager bancario di 41 anni, vicina alla causa animalista; il farmacista messinese Giuseppe Sanò, 42 anni, fondatore di Percorso Comune Messina; Silvja Manzi, nata a Foggia nel 1973, radicale, attivista nelle campagne referendarie e per i diritti civili; Marco De Andreis, classe 1955, radicale con molta esperienza di relazioni internazionali in ambito europeo; Maria Saeli, trentenne di Bagheria, presidente de “I Coraggiosi” e attiva nell’ambito delle iniziative in difesa del territorio; Elia Torrisi, imprenditore catanese di venticinque anni, laureato in politiche europee ed internazionali e rappresentante della generazione Erasmus che vive e ama l’Europa come la sua terra.

Emma Bonino che, come annunciato dal segretario di +Europa Benedetto Della Vedova, figura tra i candidati alla successione di Jean-Claude Juncker alla guida della Commissione europea, non ha nascosto che ogni speranza di crescita in termini elettorali per +Europa è affidata al riscontro siciliano e sardo e che bisognerà battersi perché la Commissione Europea abbia un commissario dedicato al Mediterraneo.

C’è chi parla alla pancia del Paese, puntando sulle reazioni istintive della gente, che siano di affidamento o di paura. Noi di +Europa parliamo di diritti – spiega FerrandelliSicilia e Sardegna meritano persone serie, capaci di rappresentarle e far sentire la loro voce in Europa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.