Verso le urne, +Europa scalda i motori con Emma Bonino a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

al teatro orione

Verso le urne, +Europa scalda i motori con Emma Bonino a Palermo

di
17 Maggio 2019

Ad una settimana dalle elezioni europee del 26 maggio, arriva a Palermo Emma Bonino, storica leader dei Radicali, ex ministro degli Esteri, da sempre europeista al punto di aver fondato un partito che si chiama proprio +Europa. L’appuntamento è per domenica 19 maggio alle 11 al Teatro Orione di via Don Orione 5. L’ingresso è libero.

All’incontro, fortemente voluto e organizzato in collaborazione con il consigliere Giulio Cusumano, presidente dei Comitati Civici, e con l’avvocato Leonardo Canto, interverrà Fabrizio Ferrandelli capolista, coordinatore regionale di +Europa e della campagna per le europee in Sicilia e Sardegna e gli altri candidati della circoscrizione insulare, persone accomunate da una storia di impegno in difesa dei diritti delle persone e della dignità dei territori del Mezzogiorno, uniti da una sola parola d’ordine, ripresa come hashtag anche sui social network: #Oggi.

Al trentottenne palermitano, consigliere comunale e leader de “I Coraggiosi”, seguono l’avvocato penalista Pietrina Putzolu, 54 anni, sassarese; la palermitana Stefania Ficani, manager bancario di 41 anni, vicina alla causa animalista; il farmacista messinese Giuseppe Sanò, 42 anni, fondatore di Percorso Comune Messina; Silvja Manzi, nata a Foggia nel 1973, radicale, attivista nelle campagne referendarie e per i diritti civili; Marco De Andreis, classe 1955, radicale con molta esperienza di relazioni internazionali in ambito europeo; Maria Saeli, trentenne di Bagheria, presidente de “I Coraggiosi” e attiva nell’ambito delle iniziative in difesa del territorio; Elia Torrisi, imprenditore catanese di venticinque anni, laureato in politiche europee ed internazionali e rappresentante della generazione Erasmus che vive e ama l’Europa come la sua terra.

Emma Bonino che, come annunciato dal segretario di +Europa Benedetto Della Vedova, figura tra i candidati alla successione di Jean-Claude Juncker alla guida della Commissione europea, non ha nascosto che ogni speranza di crescita in termini elettorali per +Europa è affidata al riscontro siciliano e sardo e che bisognerà battersi perché la Commissione Europea abbia un commissario dedicato al Mediterraneo.

C’è chi parla alla pancia del Paese, puntando sulle reazioni istintive della gente, che siano di affidamento o di paura. Noi di +Europa parliamo di diritti – spiega FerrandelliSicilia e Sardegna meritano persone serie, capaci di rappresentarle e far sentire la loro voce in Europa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco