Vertenza Airgest, sindacati: "Scongiurati i licenziamenti. Ma ora anche i sindaci facciano la loro parte" :ilSicilia.it

Ad annunciarlo Cgil Cisl Uil e Ugl Trapani

Vertenza Airgest, sindacati: “Scongiurati i licenziamenti. Ma ora anche i sindaci facciano la loro parte”

di
8 Ottobre 2019

Sono stati scongiurati i licenziamenti dei lavoratori dell’Airgest. Ad annunciarlo sono i sindacati Cgil Cisl Uil e Ugl Trapani e le loro Federazioni dei Trasporti Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, dopo l’incontro di ieri sera con la dirigenza della società che gestisce lo scalo trapanese.

«Abbiamo fatto ancora un passo avanti con tutti i sindacati dei lavoratori dell’aeroporto di Trapani Birgi -, ha affermato il presidente Salvatore Ombra – e siamo arrivati, in maniera concorde, ad una soluzione che passa attraverso gli ammortizzatori sociali per i dipendenti, che saranno messi in cassa integrazione straordinaria, scongiurando i licenziamenti. In attesa dei voli per la Summer 2020 che, grazie al lavoro intenso che sta facendo l’azienda, si spera non ci portino più a dover ricorrere a queste soluzioni ma alla piena occupazione».

Dopo un complesso confronto – dichiarano Filippo Cutrona e  Francesco Tranchida segretari Cgil e Filt Cgil, Massimo Santoro e Antonio dei Bardi segretari Cisl e Fit Cisl, Eugenio Tumbarello e Giuseppe Tumbarello segretari Uil e Uiltrasporti e Mario Parrinello Domenico De Cosimo e Paolo Sammaritano segretari Ugl e Ugl Trasporto Aereo- , è stata condivisa la possibilità di evitare i licenziamenti preannunciati, ricorrendo agli ammortizzatori sociali per sostenere i lavoratori in questo momento di difficoltà e consentire alla società di gestione dell’aeroporto di Birgi. L’obiettivo, oltre a salvaguardare i dipendenti, è ottenere risparmi e razionalizzazioni che potranno consentire la concretizzazione del lavoro messo in campo dal nuovo management e avviare il rilancio dello scalo trapanese, auspicato da tutti”.

I segretari aggiungono, “È necessario pertanto che ciascuno faccia la sua parte, azienda, parti sociali ma anche istituzioni e amministrazioni, affinché i sacrifici messi in atto, in primis dai lavoratori, portino ai risultati attesi“.

L’iter per accedere alla cassa integrazione straordinaria, prevede l’esame da parte dei competenti uffici regionali per poi approdare al Mise. “Ci aspettiamo – proseguono i sindacalisti – collaborazione e disponibilità per consentire la buona riuscita della procedura che darà respiro all’Airgest per superare l’attuale situazione di crisi“.

Infine dai sindacati l’appello: “Ai sindaci dei comuni Castellamare, Pantelleria, Valderice, Campobello di Mazara, Salaparuta e Poggioreale ancora inadempienti, per le somme residue relative al  co-marketing scaduto il 31 marzo del 2017, affinché facciano la loro parte nella delicata vertenza, che altrimenti vedrà la vanificazione dei sacrifici dei lavoratori, la negazione del rilancio dello scalo di Birgi e l’ulteriore penalizzazione di un territorio, già martoriato dalla crisi economica, che cerca possibilità di riscatto e opportunità di sviluppo e crescita“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin