Vertenza Birgi - Ryanair: oggi nuovo tavolo tecnico :ilSicilia.it
Trapani

Incontro alla Camera di Commercio

Vertenza Birgi – Ryanair: oggi nuovo tavolo tecnico

di
10 Febbraio 2017

Previsto per oggi un tavolo tecnico per l’accordo tra l’aeroporto di Trapani e la compagnia aerea low cost Ryanair.  Nell’ultimo incontro è stato concordato che saranno i segretari dei comuni di Trapani e Marsala a definire lo schema della convenzione tra i comuni della provincia e la società Airgest, sì da rendere operativa la norma approvata dall’Ars che stanzia 4 milioni di euro per la promozione turistica del territorio e, di conseguenza, per lo scalo aereo di Birgi. Il testo della convenzione prevederà dunque una delibera che dovrà, dapprima, essere messa a disposizione e, in seguito, sottoscritta da tutti enti locali, facendo in modo da poter fruire dei 4 milioni di euro che sono alla base dell’accordo con la compagnia aerea irlandese. In aggiunta, è stata anche accertata la disponibilità nelle casse del Libero Consorzio Comunale di Trapani di 2 milioni e 400 mila euro, utilizzabili per lo sviluppo dell’aeroporto trapanese.

giuseppe-pace-420x320Inoltre, sempre per oggi, è attesa una decisione relativa a chi dirigerà il nuovo accordo con Ryanair, dal momento che il Presidente della Camera di Commercio Pino Pace, autore della prima intesa del 2014, ha da tempo manifestato la scelta di non volersi nuovamente occupare dell’intesa Birgi – Ryanair a seguito della riforma delle Camere di Commercio. Infine, la finanziaria che l’Assemblea regionale dovrà approvare entro marzo, include 5 milioni di euro per il 2018, 5 milioni e mezzo per il 2019 e un primo intervento per la ricapitalizzazione dell’Airgest di 6 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin