Vertenza Coop Sicilia: procedura conclusa con esito negativo. I sindacati proclamano lo stato di agitazione | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La vertenza riguarda 287 esuberi in tutta l'Isola

Vertenza Coop Sicilia: procedura conclusa con esito negativo. I sindacati proclamano lo stato di agitazione

di
21 Luglio 2017
Si è conclusa con esito negativo la prima fase della vertenza che riguarda i 287 esuberi dichiarati da Coop Sicilia, alle prese con un piano di riorganizzazione della propria struttura e della rete dei punti vendita. Da un lato tutte le organizzazioni sindacali hanno reputato inaccettabili le condizioni dettate dall’azienda per scongiurare i licenziamenti. Dall’altro l’azienda non ha voluto prendere in considerazione le proposte alternative formulate dai sindacati. Adesso il confronto si sposta in sede istituzionale con l’istituzione di un tavolo di concertazione presso l’Assessorato al lavoro della Regione Siciliana.

“Ammortizzatori sociali (cassa integrazione e mobilità volontaria incentivata), flessibilità e abolizione delle pause, secondo l’azienda non sono sufficienti per ridurre la perdita di Coop Sicilia”, ha dichiarato Monja Caiolo della Filcams Cgil. “L’azienda – continua – senza fornire le dovute garanzie per la salvaguardia reale di tutti i livelli occupazionali, è rimasta ferma sulla sua posizione: deroghe al contratto nazionale per almeno 3 anni”.

In particolare Coop Sicilia ha chiesto la sospensione di più istituti contrattuali: la quattordicesima mensilità, gli scatti di anzianità, i permessi retribuiti, il tfr e l’applicazione di una riduzione del 5% su tutte le maggiorazioni.

Per Mimma Calabrò, segretario regionale della Fisascat Cisl, “ci sono troppe incognite che devono essere chiarite. Coop Sicilia vuole recuperare 2 milioni dal costo del lavoro e altri 2 dalle cessioni di rami d’azienda. Quest’ultime vanno valutate con grande attenzione. Da parte nostra c’è tutta la disponibilità per trovare soluzioni alternative ai licenziamenti, anche perchè negli ultimi anni i lavoratori hanno lasciato pezzi di salario e pezzi di diritti, in vista di questi paventati piani di rilancio, al fine di salvaguardare il proprio posto di lavoro”.

La società, spiega la Uiltucs Sicilia guidata da Marianna Flauto, non ha accettato le controproposte fatte che possano abbassare il costo del lavoro nelle more che avvii il percorso di sviluppo dichiarato attraverso l’apertura di 6 nuovi punti vendita nel territorio di Palermo, Catania e Messina e di una disponibilità a regolamentare la flessibilità attraverso un accordo cornice da declinare nei vari punti vendita con i sindacati. “Nei prossimi giorni – annuncia Flauto – saranno date comunicazione in merito alle eventuali iniziative che saranno programmate”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin