Vertenza #gelasisblocca: arriva l'appoggio della Cgil Sicilia :ilSicilia.it

la nota del sindacato

Vertenza #gelasisblocca: arriva l’appoggio della Cgil Sicilia

5 Dicembre 2019

La segreteria regionale della CGIL Siciliana guidata da Alfio Mannino sostiene la vertenza promossa dalla CGIL di Caltanissetta che ha, come obiettivo, quello di “salvare il territorio da un costante declino infrastrutturale che ha reso l’intera provincia estranea a ogni collegamento autostradale e per queste ragioni si rivendica la definizione immediata del lotto che deve collegare Gela con Siracusa, il porto ad oggi drammaticamente insabbiato, la ferrovia dello Stato abbandonata anche per le manutenzioni ordinarie, le zone industriali presenti in provincia prive di servizi e quindi poco attrattive  per nuovi investimenti e poco sicure sia per le  imprese attualmente  insediate sia per i lavoratori in particolar modo nelle ore notturne”.

Il segretario generale CGIL prosegue pensando ai collegamenti interni tra Comuni che “alla prima pioggia trasformano le strade in letti di fango negando la quotidianità a migliaia di abitanti“.

Le criticità della 103esima provincia su 107 in Italia emerge tutta nella sua consistenza, da questa certezza, anche da un sanità pubblica da ripensare, l’appello lanciato con la petizione online e manifestazioni già realizzate e altre in programma ci rendono responsabilmente convinti che la “questione meridionale” deve occupare l’agenda del Governo per fare in fretta anche sui pareri riferiti a progetti industriali già concordati come Argo Cassiopea“, si legge ancora nella nota del sindacato.

Ignazio Giudice, segretario generale CGIL Caltanissetta, lancia un ulteriore messaggio ai cittadini per unire idee, energie, indignazione e trasformarla in protesta e proposta perchè dobbiamo raggiungere il Governo Nazionale.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona