Vertenza Ksm: si temono scioperi e disagi negli aeroporti di Palermo e Trapani :ilSicilia.it
Palermo

Mercoledì 13 giugno vertice in Prefettura

Vertenza Ksm: si temono scioperi e disagi negli aeroporti di Palermo e Trapani

di
10 Giugno 2018

E’ incandescente la situazione tra le guardie giurate addette ai controlli e l’azienda per la quale lavorano, la Ksm, che gestisce il servizio di vigilanza e controllo presso gli aeroporti di Palermo Punta Raisi, Falcone e Borsellino, e di Trapani Birgi, Vincenzo Florio. In entrambi il personale è sul piede di guerra, pronto a ricorrere allo sciopero e a tutte le forme di protesta possibili per ottenere alcune indennità previste sulla base di accordi pregressi e che da qualche mese la società, in maniera unilaterale, non ha più riconosciuto. Il rischio, quindi, che l’operatività dei due scali possa essere fortemente compromessa è molto alto. Un pericolo da scongiurare soprattutto con l’avvio della stagione estiva. Per questo la Prefettura ha ritenuto opportuno convocare per mercoledì 13 giugno un vertice tra la Ksm e le organizzazioni sindacali nel tentativo di comporre la frattura e riportare tutto alla normalità.

La vertenza si trascina ormai da qualche settimana e già ha avuto, in diverse occasioni, ripercussioni negative per i passeggeri. “Accogliamo la convocazione della Prefettura, speranzosi che Ksm possa tornare indietro dalle scelte spregiudicate e unilaterali”, dichiarano Monja Caiolo e Salvo Leonardi segretari generali della Filcams Cgil Palermo e Sicilia. “I tagli delle indennità alle GPG sono tradotti in tagli di pezzi di salario non indifferenti – aggiungono – le indennità sono frutto di accordi passati che il sindacato aveva contrattato. Siamo molto preoccupati soprattutto in ambito aeroportuale dove la particolarità del servizio e del sito operativo richiedono massima attenzione anche per l’intera sicurezza nazionale, la perdita di salario, per una guardia giurata è superiore alle 200 euro mensili, in una media di stipendio poco superiore ai 1000 euro”.

La Filcams Cgil richiama anche l’attenzione della società che gestisce lo scalo di Palermo. “Nelle scorse settimane – concludono – abbiamo chiesto l’intervento della Gesap nella qualità di committente del servizio senza alcun riscontro. Senza una soluzione positiva dopo il tavolo prefettizio saremo costretti a proseguire la vertenza con il blocco del lavoro straordinario e la proclamazione di uno sciopero”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin