Vertice di maggioranza a Palazzo Reale, amministrative e rimpasto i temi caldi :ilSicilia.it

giornata di lavori

Vertice di maggioranza a Palazzo Reale, amministrative e rimpasto i temi caldi

di
6 Luglio 2020

Vertice di maggioranza oggi a Palazzo dei Normanni. Il tema principale saranno le amministrative in Sicilia. Si parte da posizioni diverse all’interno della maggioranza che sostiene Nello Musumeci: secondo il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè il centrodestra, il punto di partenza dovrebbe essere l’unità del centrodestra. Non saranno però pochi i nodi da sciogliere sulle alleanze, in particolare su quei comuni in cui si sono registrati attriti e divergenze sulle candidature.

Non sarà presente al vertice di maggioranza Saverio Romano. Al suo posto, a rappresentarlo, saranno seduti al tavolo per rappresentarlo, Roberto Corona e Antonello Antinoro. Sarà presente anche il commissario della Lega Stefano Candiani che arriverà nel capoluogo siciliano direttamente da Roma. Uno dei nodi da sciogliere sarà il tema di Agrigento. Con l’ex sindaco Marco Zambuto in lizza per correre ancora una volta per la poltrona di primo cittadino.

Saverio Romano

Numerosi sono i mal di pancia di alcuni rappresentanti della maggioranza in merito alla candidatura dell’ex renziano. Ma alcuni fra i rappresentati di Forza Italia, Fratelli di Italia ed anche Diventerà Bellissima sostengono l’ex primo cittadino. Fra questi, la parlamentare regionale di DB Giusi Savarino in primis.

Lotte interne, diatribe e strategie differenti sono gli ingredienti che stanno condendo i tavoli in cui in questo periodo si sono riuniti più volte i rappresentati del centrodestra siciliano. Ad oggi Zambuto cerca appoggi per sponsorizzare la sua corsa elettorale. E tra una capriola e una virata, dopo la DC, Udc, Pdl, Pd, Zambuto pare essersi tuffato nelle acque smosse da Fratelli di Italia e Forza Italia. E sembra che qualcuno possa ascoltarlo. Uno dei suoi big sponsor potrebbe essere il deputato regionale forzista Riccardo Gallo, ma anche il dirigente di FdI Calogero Pisano vuole fortemente la sua candidatura. Ma ad Agrigento la questione non è semplice nel centrodestra.  A quest’area, infatti, fa riferimento anche al medico Franco Miccichè, gradito al vicepresidente dell’Ars Giovanni Di Mauro e, con molta probabilità, anche la Lega di Salvini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.