11 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.27
Palermo

fino al 31 maggio

“Vertigini a cielo aperto”: in mostra opere inedite di Ada Loffredo | Video intervista

12 Maggio 2019

Guarda la video intervista in alto

Che siano alberi, case, esseri umani o montagne poco cambia: Ada Loffredo con le sue pennellate, frutto di passione e di sensibilità, tira fuori, sempre, dai suoi soggetti l’anima. Ulteriore testimonianza di questa sua capacità si riscontra nelle decine di tele, tutte inedite, presenti all’interno della mostra “Vertigini a cielo Aperto“, presso la galleria Spaziocentotre Arte Contemporanea a Palermo (Via Principe di Belmonte, 103).

Ada Loffredo

L’esposizione comprende una cinquantina di dipinti, oli su tela raffiguranti paesaggi madoniti, oltre a ritratti, autoritratti e qualche natura morta ad olio su tavola, tutte opere inedite realizzate negli ultimi mesi.

Quando vado nella mia casa in campagna – ci ha detto la pittrice – non faccio altro che dipingere, mi arrendo appunto a quella vertigine creativa alla quale non posso sottrarmi“.

Accattivanti e delicate, sensuali e coinvolgenti le opere colpiscono al primo sguardo spingendo l’osservatore a proseguire la loro scoperta fino all’ultimo spazio nell’allestimento di Francesco, Giuseppe e Maria Giulia Fecarotta, che prevede anche delle fotografie con Sciascia, Aldo Pecoraino e Bruno Caruso tra gli altri.

Ancora una volta, al centro dell’arte di Ada Loffredo c’è la passione e l’amore per la Sicilia, per i suoi paesaggi, per i boschi, ma anche l’indagine sulla donna, a partire dagli autoritratti, che rendono Ada un’artista a tuttotondo, interprete dello spirito della vita che si manifesta ora nella potenza della Natura, ora nei ritratti femminili.

Ada Loffredo

Scrisse a tal proposito il poeta Vincenzo Consolo: “La sua è una pittura che sembra realistica, di quella realtà oggettiva, esterna, ritrasferita scrupolosamente sulla tela. E invece sono i suoi paesaggi immagini di luoghi, di «querce, sugheri, lecci, frassini, olmi, pini, aceri, faggi», di casupole o villaggi in quella natura immersi, visti con gli occhi della memoria o del sogno; memoria e sogno come sostanza della nostalgia o del desiderio. Sono soffusi di una luce che non ha nulla della reale luce siciliana che ogni cosa incendia, sbianca, rende squillante ed espressiva (…)”.

La mostra, ad ingresso libero, è aperta al pubblico fino al 31 maggio (lunedì dalle 16,30 alle 20 e dal martedì al sabato 10,00 – 13,00 / 16,30 – 20,00.); è disponibile il catalogo a cura di Giuseppe Fecarotta, con una presentazione di Silvio Governali.

Guarda la fotogallery sotto 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.