"Vescovi come Boldrini": striscioni di Forza Nuova davanti alle sedi siciliane della Cei | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'iniziativa del movimento di destra

“Vescovi come Boldrini”: striscioni di Forza Nuova davanti alle sedi siciliane della Cei

di
2 Settembre 2018

Azioni dimostrative sono state attuate nei giorni scorsi a Palermo e Catania dai militanti di Forza Nuova, che hanno esposto striscioni nelle due città siciliane contro la decisione della Cei di ospitare un centinaio di extracomunitari fra quanti erano sbarcati dalla nave Diciotti. Una dura presa di posizione contro la politica dei vescovi motivata in una nota inviata alla stampa dal movimento di estrema destra.

“Siamo ormai all’idolatria del cosiddetto migrante! Anche il caso Diciotti ha dimostrato come i vescovi italiani, pronti ad accogliere ma a spese dello Stato (vedi Rocca di Papa), siano ormai pubblicamente votati ad un’ideologia che al tradizionale, scomodo comandamento biblico, di fatto accantonato, preferisce le linee guida globaliste che non gradiscono incentivi e sostegno alla natalità per le famiglie italiane ed europee, ma teorizzano sfacciatamente, e mettono già in pratica, la sostituzione del nostro popolo con popolazioni, in maggioranza islamiche, provenienti dall’Africa e dall’Asia”.

È netto e inequivocabile l’attacco alla Conferenza Episcopale Italiana di Roberto Fiore, Segretario Nazionale di Forza Nuova, dopo la gara tra i vescovi italiani ad offrire locali di proprietà diocesana per ospitare i clandestini sbarcati dalla Diciotti.

“L’azione dimostrativa che abbiamo attuato davanti a molte sedi CEI in ogni parte d’Italia – continua Fiore – lancia un’accusa precisa: mai la maggioranza dei nostri vescovi si è mostrata generosa nell’aprire le proprie porte ai tanti senza casa italiani, mai ha tuonato contro la strage degli innocenti causata dalla 194, mai ha ricordato ai fedeli il preciso comandamento biblico. Al contrario – così come fa l’attuale Pontefice (“Essere cattolici non significa fare figli come conigli”) – la gran parte di essi non parla di natalità ma lancia da ogni pulpito, reale e mediatico, come un mantra martellante, un unico e nuovo “comandamento”, rivolto agli immigrati e suicida per il futuro degli italiani che ne piangono letteralmente le tragiche, quotidiane conseguenze: ‘Sbarcate e sostituiteci!’.

Secondo Forza Nuova, “troppi pastori, spesso i medesimi che fanno parte di quella lobby gay fortissima in Vaticano, non fanno gli interessi del proprio gregge (pur ricavandone l’8 per mille), che infatti gli volta le spalle e abbandona in massa le chiese, ma dei lupi che vogliono sbranarlo”.

“Lo scandalo continua e cresce – conclude Fiore – e se i vescovi parlano il linguaggio di Soros e della Boldrini è dovere dei semplici fedeli ammonirli e difendersi con ogni mezzo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin