Via al "Quisquina Cheese Festival", la XXI Sagra del formaggio nel cuore della Sicilia | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

Domenica 9 giugno

Via al “Quisquina Cheese Festival”, la XXI Sagra del formaggio nel cuore della Sicilia | VIDEO

di
5 Giugno 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

 

La nostra tappa ha come teatro lo struggente e ammaliante entroterra siciliano e, precisamente, Santo Stefano Quisquina (AG) per il Quisquina Cheese Festival – XXI^ Sagra del Formaggio e dei Prodotti Tipici Quisquinesi, festa annuale dei sapori dedicata alla valorizzazione del territorio che, quest’anno, si svolge domenica 9 giugno.

Santo Stefano Quisquina, tra bellezza e talento

Santo Stefano Quisquina

Santo Stefano Quisquina è un paesino montano della provincia di Agrigento il cui nome è composto dal termine greco “stèfanos”, corona, in quanto coronato dai Monti Sicani, e da quello arabo “coschin”, oscurità, per la fittezza dei suoi boschi, custodi della Grotta dove si rifugiò Santa Rosalia, la Santuzza, a cui è dedicato l‘Itinerarium Rosaliae, un Cammino di Santiago dal sapore siculo, che ha in Giuseppe Adamo un perfetto padrone di casa e guida appassionata, anche, dell’Eremo della Quisquina, luogo di grande sacralità e ponte con Montepellegrino. In occasione di questa Sagra all’insegna della bontà, Naturando Sicilia vi propone un’escursione nei boschi della Quisquina, di cui signore era il conte Sinibaldo de’ Sinibaldi, padre di Santa Rosalia, ecco spiegato il perché la Santuzza vi si sia rifugiata.

Santo Stefano Quisquina

Altro luogo, altra storia: un Tempio profano, votato all’arte, è, invece, il Teatro Andromeda che, conosciuto ormai in tutto il mondo, attraverso una porta, ruotante su se stessa e dominata da uno gnomone, sembra, di volta in volta, aprirsi a sempre nuovi ingressi di paesaggi, sospesi nel tempo. Questo spazio sacro si trova all’interno della fattoria Rocca Reina di cui il Deus ex machina è Lorenzo, artista a tutto tondo.

Ma questo piccolo angolo di paradiso è fucina di talenti e, infatti, ecco apparire Libero, figlio dell’appena citato Lorenzo, che, tra i suoi Monti Sicani, nella casetta in legno che è il suo studio, proprio accanto al Teatro Andromeda, scrive e incide, personalizzando la sua musica con un melting pot di suoni che vanno dall’Etnico all’Electro, dall’Indie al Folk.

Da viaggiatore, inoltre, col suo singolo “Au Maghreb“, uscito il 9 aprile e che ha anticipato di un mese l’album “Cantautore col sequencer“, ha conquistato, oltre che per il sound e l’intensità di quei dubbi e quelle domande che il viaggio della vita in quanto tale ci induce a fare, anche per il video opera del fratello Christian. Il talento è questione di “geni”.

Santo Stefano, però, non si fa mancare nulla e, infatti, è anche la terra di un grandissimo e amatissimo pittore, scrittore e intellettuale, Alfonso Leto, di cui Achille Bonito Oliva ha scritto: “Disincarnato da ogni interesse specifico, l’arte di Leto produce un linguaggio letale per ogni senso comune, legato sempre all’economia di una ragione pratica“. Oltre a questi nomi, inoltre, tanti i giovani artisti stefanesi che, in occasione del “Quisquina Chese Festival”, con una collettiva fotografica e pittorica dal titolo: “Di nuvole, di vento e di pastori”, vi mostreranno la loro visione di quest’isola felice nell’isola.

Quisquina Cheese Festival – XXIª Sagra del Formaggio e dei Prodotti Tipici Quisquinesi

Santo Stefano Quisquina

Terra di specialità lattiero casearie e non solo, questo angolo di Sicilia vanta un’antica tradizione in un’attività che taluni definiscono “sintesi perfetta tra economia e territorio”. Questa festa del gusto ospiterà produttori del territorio che presenteranno diversi tipi di formaggi, in un vero e proprio trionfo dei sapori e della genuinità, che solleticherà e soddisferà anche i palati più esigenti.

Il tutto sarà arricchito da degustazione di ricotta, dolci con crema di ricotta, pane, olio e formaggi a più non posso; un interessante laboratorio del latte: “L’antico mestiere del casaro e le tecniche di preparazione dei prodotti caseari”; dimostrazione e degustazione della tradizionale “quagliata”; visite guidate, “Piccole guide per grandi opere”, a cura degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Maestro Lorenzo Panepinto, Cooking Show, pietanze creative e tanto altro. Una grande vetrina per i Monti Sicani che mostra quanto sia ricca di bellezza e bontà la nostra Sicilia, isola non di solo mare.

Sindaco Santo Stefano Quisquina

Questo evento rappresenta un dei tanti bei momento che va a iscriversi nel percorso tracciato dal sindaco Francesco Cacciatore e dall’amministrazione comunale che stanno insistendo sul turismo relazionale, noi aggiungiamo emozionale, e su quello religioso, grazie alla presenza de “l’Itinerarium Rosaliae” che collega Monte Pellegrino con l’Eremo di Santa Rosalia alla Quisquina.

Se ancora aveste idee poco chiare su come trascorrere il fine settimana, il ricchissimo programma della Sagra vi toglierà ogni dubbio.

PROGRAMMA

Domenica 9 giugno

Alle 9 – Via Reina

Apertura collettiva fotografica e e pittorica “Di nuvole, di vento e di pastori” a cura dei giovani artisti stefanesi

Alle 9 – Centro storico

Ingresso de “I Tamburi di Quisquina”

Alle 10 – Centro storico

Apertura stand

Degustazione di formaggi e altri prodotti tipici del territorio (ricotta, dolci con crema di ricotta, pane, olio)

Laboratorio del latte: “L’antico mestiere del casaro e le tecniche di preparazione dei prodotti caseari”

Dimostrazione e degustazione della tradizionale “quagliata”

Alle 10,30 – Piazza Maddalena

Percorsi e visite guidate “Piccole guide per grandi opere” a cura degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Maestro Lorenzo Panepinto”

Alle 10,30 – Piazza della Vittoria

Cooking show “Giovani chef a confronto” a cura della Consulta Giovanile

Alle 10,30 – Via Lorenzo Panepinto

Preparazione e degustazione enogastronomica a cura dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Luigi Pirandello” di Bivona – indirizzo Enogastronomia e ospitalità alberghiera

Alle 11 – Centro storico

Evento Folk a cura dei “Picciotti del Teatro Ditirammu” , tempio della tradizione popolare siciliana, offerto dal Gruppo Sanpellegrino S.p.A

Alle 11,30 – Piazza della Vittoria

Rivisitazione gourmet di piatti tipici della cucina siciliana a base di formaggio e ricotta, a cura dello Chef stefanese Giuseppe Ferlita

Alle 14 – Via Reina

Laboratorio di artigianato a cura dell’Associazione “Quisquina Creativity”

Alle 16 – Centro storico

Apertura stand

Degustazione di formaggi e altri prodotti tipici del territorio (ricotta, dolci con crema di ricotta, pane, olio)

Laboratorio del latte: “L’antico mestiere del casaro e le tecniche di preparazione dei prodotti caseari”

Dimostrazione e degustazione della tradizionale “quagliata”

Alle 16 – Via Lorenzo Panepinto

Preparazione e degustazione enogastronomica a cura dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Luigi Pirandello” di Bivona – indirizzo Enogastronomia e ospitalità alberghiera

Alle 16,30 – Piazza della Vittoria

Presentazione di una Mousse alla ricotta e ai sapori di Sicilia, realizzata dal Maestro pasticcere Vincenzo Di Stefano, della Di Stefano Dolciaria, in collaborazione con la Pasticceria TAHINI di Domenico Marini.

Seguirà la distribuzione e la degustazione.

Pronti per questa Festa dei Sapori nella magica Santo Stefano Quisquina?

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.