Via D'Amelio, il mistero dell'agenda rossa: "Sfiorai la borsa, ma la prese un carabiniere" :ilSicilia.it
Palermo

la testimonianza del giornalista Felice Cavallaro

Via D’Amelio, il mistero dell’agenda rossa: “Sfiorai la borsa, ma la prese un carabiniere”

di
14 Ottobre 2020

«Arrivando nella strada dove abitava Paolo Borsellino vidi questo fumo nero. Andai verso l’incendio perché ho capito che il cuore del problema stava lì. Mi capitò di inciampare anche su resti umani, una scena apocalittica. Alla fine mi ritrovai davanti all’auto blindata del dottor Borsellino ma senza sapere che fosse la sua». A raccontare quello che accadde il 19 luglio 1992, è il giornalista del Corriere della Sera Felice Cavallaro, chiamato a deporre lunedì scorso, come teste di parte civile nell’ambito del processo sul depistaggio nella Strage di via D’Amelio che si celebra a Caltanissetta.

«Poi intravidi il dottor Giuseppe Ayala vicino alla macchina di Borsellino. Lui era già lì – ha continuato il giornalista rispondendo all’avvocato Fabio Repici, legale di Salvatore Borsellino e dei figli di Adele, sorella del magistrato – perché abitava vicino al luogo della strage. Entrambi eravamo vicini alla macchina che era con la portiera posteriore lato guida spalancata. Un giovane delle forze dell’ordine, in borghese, prese la borsa che si trovava sul pianale, tra il sedile anteriore e il divano posteriore, e provò a porgermela perché forse pensava che fossi uno della scorta di Ayala o un agente. Sfiorai il manico della borsa… La cosa era stupefacente, perché a nessun titolo potevo prenderla».

Ayala in via D'Amelio
Ayala in via D’Amelio (ANSA)

«Guardai Ayala, che quasi invitò l’agente con gli occhi a darla a lui. Ma poi arrivò un ufficiale dei carabinieri in divisa e il mio ricordo è che Ayala gli fece dare la borsa o gliela diede lui stesso. Escludo che si trattasse del capitano Arcangioli (finito sotto indagine e poi assolto, ndr), la cui immagine con la borsa in mano ho rivisto molti anni dopo i fatti. Se avessi saputo che in quella borsa c’era l’agenda rossa avrei fatto lo scoop della mia vita».

Nel processo sono imputati, per il reato di calunnia aggravata, tre appartenenti alla Polizia di Stato: Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, allora nel gruppo investigativo “Falcone-Borsellino”, accusati di aver depistato le indagini sulla strage di Via D’Amelio attraverso l’indottrinamento” del falso pentito Vincenzo Scarantino.

Alla domanda dell’Avv. Repici se si fosse confrontato con Ayala sul tema dell’agenda rossa, Cavallaro ha risposto: «Sì, ne abbiamo parlato non appena è venuta fuori la notizia. Alla prima occasione in cui ci siamo visti certamente abbiamo parlato, abbiamo evocato quel momento. Io soprattutto a dire: “Ma porca miseria, avevo la borsa in mano…” avremmo potuto comunque dare una diversa svolta a tutta questa storia; invece siamo diventati protagonisti ignari di un fatto che c’ha travolto».

 

 

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

‘Ndrangheta stragista, ergastolo a Graviano. L’ultima rivelazione: “Ecco il ladro dell’agenda rossa”

Depistaggio Borsellino, parla Genchi: “Bloccarono le mie indagini sui Servizi e Castello Utveggio” | VIDEO

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

Il mistero dell’agenda rossa, Ayala contro Fiammetta Borsellino: “Anziché andare dai mafiosi parli con me”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro