Via D'Amelio, il mistero dell'agenda rossa: "Sfiorai la borsa, ma la prese un carabiniere" :ilSicilia.it
Palermo

la testimonianza del giornalista Felice Cavallaro

Via D’Amelio, il mistero dell’agenda rossa: “Sfiorai la borsa, ma la prese un carabiniere”

di
14 Ottobre 2020

«Arrivando nella strada dove abitava Paolo Borsellino vidi questo fumo nero. Andai verso l’incendio perché ho capito che il cuore del problema stava lì. Mi capitò di inciampare anche su resti umani, una scena apocalittica. Alla fine mi ritrovai davanti all’auto blindata del dottor Borsellino ma senza sapere che fosse la sua». A raccontare quello che accadde il 19 luglio 1992, è il giornalista del Corriere della Sera Felice Cavallaro, chiamato a deporre lunedì scorso, come teste di parte civile nell’ambito del processo sul depistaggio nella Strage di via D’Amelio che si celebra a Caltanissetta.

«Poi intravidi il dottor Giuseppe Ayala vicino alla macchina di Borsellino. Lui era già lì – ha continuato il giornalista rispondendo all’avvocato Fabio Repici, legale di Salvatore Borsellino e dei figli di Adele, sorella del magistrato – perché abitava vicino al luogo della strage. Entrambi eravamo vicini alla macchina che era con la portiera posteriore lato guida spalancata. Un giovane delle forze dell’ordine, in borghese, prese la borsa che si trovava sul pianale, tra il sedile anteriore e il divano posteriore, e provò a porgermela perché forse pensava che fossi uno della scorta di Ayala o un agente. Sfiorai il manico della borsa… La cosa era stupefacente, perché a nessun titolo potevo prenderla».

Ayala in via D'Amelio
Ayala in via D’Amelio (ANSA)

«Guardai Ayala, che quasi invitò l’agente con gli occhi a darla a lui. Ma poi arrivò un ufficiale dei carabinieri in divisa e il mio ricordo è che Ayala gli fece dare la borsa o gliela diede lui stesso. Escludo che si trattasse del capitano Arcangioli (finito sotto indagine e poi assolto, ndr), la cui immagine con la borsa in mano ho rivisto molti anni dopo i fatti. Se avessi saputo che in quella borsa c’era l’agenda rossa avrei fatto lo scoop della mia vita».

Nel processo sono imputati, per il reato di calunnia aggravata, tre appartenenti alla Polizia di Stato: Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, allora nel gruppo investigativo “Falcone-Borsellino”, accusati di aver depistato le indagini sulla strage di Via D’Amelio attraverso l’indottrinamento” del falso pentito Vincenzo Scarantino.

Alla domanda dell’Avv. Repici se si fosse confrontato con Ayala sul tema dell’agenda rossa, Cavallaro ha risposto: «Sì, ne abbiamo parlato non appena è venuta fuori la notizia. Alla prima occasione in cui ci siamo visti certamente abbiamo parlato, abbiamo evocato quel momento. Io soprattutto a dire: “Ma porca miseria, avevo la borsa in mano…” avremmo potuto comunque dare una diversa svolta a tutta questa storia; invece siamo diventati protagonisti ignari di un fatto che c’ha travolto».

 

 

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

‘Ndrangheta stragista, ergastolo a Graviano. L’ultima rivelazione: “Ecco il ladro dell’agenda rossa”

Depistaggio Borsellino, parla Genchi: “Bloccarono le mie indagini sui Servizi e Castello Utveggio” | VIDEO

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

Il mistero dell’agenda rossa, Ayala contro Fiammetta Borsellino: “Anziché andare dai mafiosi parli con me”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco