Via libera del Consiglio Superiore Lavori Pubblici al raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo :ilSicilia.it
Messina

Parere positivo al mega progetto ferroviario

Via libera del Consiglio Superiore Lavori Pubblici al raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo

di
25 Maggio 2018

Via libera del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici al progetto per il raddoppio della linea ferroviaria Giampilieri-Fiumefreddo, iter che prevede anche la realizzazione di due nuove stazioni ferroviarie nel territorio di Taormina.

Il parere positivo dato dal Consiglio Superiore Lavori pubblici nelle scorse ore prevede che: “Per il progetto definitivo Direttrice Ferroviaria Messina-Catania-Palermo – itinerario Messina-Catania- tratta Giampilieri Fiumefreddo si possa dare corso al successivo sviluppo progettuale con la puntuale osservanza delle prescrizioni, raccomandazioni ed indicazioni prima dell’avvio delle procedure per la scelta del contraente”.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Taormina, Eligio Giardina che ha preso parte alla riunione svoltasi a Roma. “Sta prendendo forma la procedura per la gara inerente quello che sarà l’appalto più importante degli ultimi 20 anni in Sicilia e nel Mezzogiorno – evidenzia Giardina – ma soprattutto siamo di fronte ad un’opera di eccezionale rilevanza strategica e infrastrutturale per la viabilità di questo territorio. Il parere espresso dal Consiglio Superiore dei Lavori pubblici è vincolante ed assume quindi un ruolo di grande importanza verso quella che sarà la fase attuativa dell’opera. Da qui ad un anno verranno predisposti due lotti di appalto, il primo da 880 milioni e l’altro da 1300 milioni. Uno concerne il raddoppio della linea ferroviaria da Taormina a Fiumefreddo, e l’altro invece da Taormina a Giampilieri”.

Nelle scorse settimane si era già svolta un’altra riunione con i tecnici di Rfi e Italferr, adesso si è arrivati alla determinazione positiva sul progetto. Partendo da Giampilieri sono previste, nello specifico, la stazione di Itala-Alì, quella di S.Alessio-Santa Teresa di Riva, quella di Letojanni, quindi la stazione sotterranea Taormina-Madonnina e la stazione Alcantara-Taormina Sud-Giardini Naxos (a Trappitello), e inoltre quella di Fiumefreddo. La stazione principale sarà la Taormina-Madonnina, con opportunità di percorrenza e fermata anche per i treni ad alta velocità che raggiungeranno i 250-300 km orari.

“Sono state previste alcune modifiche e ulteriori prescrizioni al progetto per ottimizzarlo ma, per quanto riguarda Taormina – ha aggiunto Giardina – si può dire che la stazione Madonnina avrà un “impatto zero” in termini paesaggistici, sarà cioè del tutto compatibile con l’ambiente circostante. La stazione di Via Spagnuolo, a Trappitello, sarà un punto di riferimento per l’utenza della Valle dell’Alcantara e per i paesi della zona di Catania”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.