Via Siciliano e Milella, M5S Palermo: ''Il Comune si occupi della manutenzione'' :ilSicilia.it
Palermo

La polemica

Via Siciliano e Milella, M5S Palermo: ”Il Comune si occupi della manutenzione”

di
25 Novembre 2019

”Sono trascorsi 34 anni dalla morte di Biagio Siciliano e di Giuditta Milella, e a Palermo c’è una strada intitolata ai due studenti del Meli morti investiti da un auto della scorta del giudice Borsellino nel 1985. Una intitolazione fatta dal sindaco Orlando nel 2017 che non onora la loro memoria”, lo affermano in una nota la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle, Viviana Lo Monaco e la consigliera della VI circoscrizione del Movimento 5 Stelle, Daniela Tumbarello.

“La via Biagio Siciliano e Giuditta Milella è una traversa di via Salvatore Aldisio, la strada costeggia il Liceo, non è asfaltata ed è priva di illuminazione. È percorsa ogni giorno da decine di studenti e dai residenti del quartiere, che schivano le grosse e profonde pozzanghere di una via coperta da pietrisco, a metà della strada c’è uno slargo dove vengono abbandonati rifiuti di ogni genere, una discarica alle spalle del liceo. Gli studenti del Meli hanno una bella vista sul degrado tollerato dall’Amministrazione comunale”, aggiungono le pentastellate.

“Insieme alla  consigliera comunale Viviana Lo Monaco abbiamo inoltrato numerose richieste di accesso agli atti da cui risulta che la via Biagio Siciliano e Giuditta Milella appartiene al Comune, l’area alle spalle del liceo Meli è di proprietà comunale ed è frutto di un esproprio avvenuto nel 1996, così come sono comunali i campi di calcio di via Cavalieri di Vittorio Veneto”, afferma la Tumbarello.

“Ho inoltrato decine di segnalazioni da marzo 2019, chiedendo all’Amministrazione comunale di utilizzare le telecamere poste sul muro dell’edificio della reset per poter individuare gli incivili che abbandonano rifiuti nella Via Siciliano e Milella, ho chiesto di accendere i due fari collocati sul muro di cinta dei campi da calcio di proprietà del Comune, per impedire che attività illecite vengano commesse nello slargo. Non è stato fatto nulla in nove mesi, l’amministrazione comunale è sorda ad ogni richiesta“, aggiungono.

“In assenza di aree verdi nel quartiere, i residenti nel frattempo si sono organizzati e hanno realizzato un’area sgambamento cani nel terreno comunale espropriato alle spalle del Meli”, aggiungono.

“Dopo 34 anni per onorare la memoria di Biagio e Giuditta servono azioni concrete, non tagli di nastri e parole vuote”, concludono la Lo Monaco e la Tumbarello.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.