Viabilità a Catania, Pogliese: "Entro 2022 nuova Circonvallazione" :ilSicilia.it
Catania

arrivano i fondi Ue

Viabilità a Catania, Pogliese: “Entro 2022 nuova Circonvallazione”

di
10 Maggio 2021

Quindici anni dopo i lavori di riqualificazione della circonvallazione con l’eliminazione dei semafori, la giunta Pogliese ha previsto un intervento di messa in sicurezza e innovazione della Circonvallazione di Catania dell’importo complessivo di 4 milioni di euro, allo scopo di eliminare i tanti pericoli di un’arteria sempre trafficata e purtroppo spesso percorsa a velocità elevata.

Il progetto, nel suo insieme, propone un miglioramento qualitativo dell’infrastruttura, oltre che attraverso l’esecuzione delle opere di ripristino degli otto chilometri dell’asse viario, da Monte Po a Ognina, con due carreggiate a doppio senso di marcia, da rifare completamente. Allo stato attuale, infatti, la circonvallazione presenta carenze in materia di sicurezza, per via di un manto stradale ormai degradato in tutta la sua estensione, con alterazioni della superficie, distacco dello strato di usura, buche, avvallamenti per via dell’invasione delle radici delle alberature, ma anche rialzo di caditoie e botole e, infine, guard-rail ormai semidistrutti. Tutti interventi di rifacimento, dai marciapiedi a tutto il manto stradale in programma nell’esecuzione dei lavori, che l’Amministrazione Comunale intende attuare, una volta completate le procedure di finanziamento e aggiudicazione della gara d’appalto

“In tutti questi anni a seguire dalla prima riqualificazione -ha detto il sindaco Salvo Pogliese – sono stati fatti solo interventi parziali, senza affrontare nell’insieme la necessità di rendere la circonvallazione effettivamente strada di ambito urbano, il principale asse di collegamento est ovest della città, affinché pedoni, automobilisti, ciclisti e motociclisti possano attraversarla in tutta sicurezza. Alle azioni di manutenzione straordinaria, innovazione e messa in sicurezza – ha aggiunto il primo cittadino – abbiamo unito la realizzazione di nuove aree pedonali che successivamente potranno essere integrate con l’apposizione di arredo urbano quali fioriere per il verde e riqualificazione delle rotatorie che in gran parte abbiamo realizzato con il concorso di sponsor. Tutte queste funzioni determinano la fruizione degli spazi urbani da parte dei cittadini e migliorano l’immagine della città stessa, visto che la circonvallazione è una delle porte d’accesso all’area urbana. Ringrazio particolarmente l’assessore Parisi e il direttore delle politiche comunitarie Finocchiaro per avere individuato nei mesi scorsi le risorse necessarie a finanziare questo grande progetto all’interno del vasto piano di rimodulazione dei fondi Ue destinati a Catania che abbiamo programmato badando a migliorare la funzionalità di alcune zone cittadine”.

Il progetto di riqualificazione è finanziato nell’ambito dei fondi comunitari del Patto per lo Sviluppo di Catania e sarà inserito nel Piano di Sviluppo e Coesione, che con la legge di conversione del Decreto Crescita, il Governo ha  sostituito l’attuale molteplicità di Programmi con un unico Piano per ciascuna Amministrazione.

Attueremo l’intervento – ha spiegato l’assessore alle politiche comunitarie Sergio Parisi- appena verrà approvata dal Dipartimento per la Coesione Territoriale (Presidenza del Consiglio dei Ministri) la rimodulazione del Patto con il relativo “passaggio” di questo nel Piano di Sviluppo e Coesione. Ciò dovrebbe avvenire entro il mese di giugno. Successivamente mediante il portale MePa, il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, provvederemo alla pubblicazione della gara d’appalto che si ritiene possa essere espletata entro il prossimo mese di ottobre. La tempistica prevista per l’esecuzione di tutti i lavori è stimata in un anno; quindi, entro il 2022 gli interventi potranno essere ultimati”.

I lavori di rigenerazione della circonvallazione sono indispensabili, inoltre, perché la lunga arteria è inserita nel piano dei 41 km di piste ciclabili in fase di progettazione della Giunta Pogliese, che nei giorni scorsi ha pubblicato il bando di concorso per la stesura definitiva dei percorsi per la rivoluzione ciclabile.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.