Viale Regione Siciliana a tre corsie: nuovo flop del Comune di Palermo, scatta la diffida :ilSicilia.it
Palermo

Dovevano esser pronte entro l'estate

Viale Regione Siciliana a tre corsie: nuovo flop del Comune di Palermo, scatta la diffida

28 Ottobre 2019

Dovevano essere pronte “entro fine estate 2019”, come annunciato più volte dall’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania. Invece, siamo quasi a novembre e ancora le tre corsie per viale Regione Siciliana, a Palermo sono rimaste sulla carta.

“L’emergenza rifiuti e i problemi con la Rap e Bellolampo ci hanno rallentato”, si è giustificato l’assessore qualche settimana fa, sentito da ilSicilia.it a margine della conferenza stampa sul nuovo progetto del tram.

“Attendo a breve il nuovo cronoprogramma della Rap che ha asfaltato alcuni tratti della Circonvallazione. Poi toccherà ad Amat occuparsi della segnaletica stradale. I tempi? Al momento non li so”, ammetteva.

Giusto CataniaL’ordinanza, pronta dal 2017, non fu mai applicata. Tanto che fu lo stesso Catania, da capogruppo in Consiglio comunale di Sinistra Comune, a tuonare contro l’ex assessora Riolo, poi sostituita da lui. Ma le tre corsie ancora non ci sono.

Una disorganizzazione che rende pericoloso l’asse primario della città: in alcuni punti (vedi tratto Einstein-Perpignano) infatti da due anni manca totalmente la segnaletica orizzontale.

Cosa che ha spinto ieri i consiglieri del M5S a una diffida formale al Comune: “Si ripristini l’asfalto e la segnaletica orizzontale o faremo causa al Comune. Intervento entro 30 giorni, altrimenti si adiranno le vie legali“. A scriverlo sono i consiglieri comunali Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo e i Consiglieri della II, III, IV, V e VI Circoscrizione, Pasquale Tusa, Saverio Bruschetta, Mirko Dentici, Simona Di Gesù e Daniela Tumbarello.

“È inaccettabile che dopo due anni, nonostante siano state emanate due ordinanze mai eseguite, il Comune non abbia ancora ultimato i lavori per la fluidificazione della circolazione di ripristino dell’asfalto e per il riassetto del traffico nell’arteria più congestionata – e più pericolosa – di Palermo”, concludono i pentastellati.

La carreggiata centrale – larga 12 metri – è attualmente divisa in tre corsie da 4 metri: due ordinarie e una di emergenza.

Col nuovo assetto sarà divisa in 4 corsie: due “ordinarie” da 3 metri ciascuna; la corsia più a destra da 3,5 metri (per mezzi pesanti e taxi); e quella di emergenza da 2 metri e mezzo.

Abbiamo provato più volte a contattare l’assessore Catania per gli aggiornamenti sul problema, senza ottenere risposta.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.