Viale Regione Siciliana a tre corsie: nuovo flop del Comune di Palermo, scatta la diffida :ilSicilia.it
Palermo

Dovevano esser pronte entro l'estate

Viale Regione Siciliana a tre corsie: nuovo flop del Comune di Palermo, scatta la diffida

di
28 Ottobre 2019

Dovevano essere pronte “entro fine estate 2019”, come annunciato più volte dall’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania. Invece, siamo quasi a novembre e ancora le tre corsie per viale Regione Siciliana, a Palermo sono rimaste sulla carta.

“L’emergenza rifiuti e i problemi con la Rap e Bellolampo ci hanno rallentato”, si è giustificato l’assessore qualche settimana fa, sentito da ilSicilia.it a margine della conferenza stampa sul nuovo progetto del tram.

“Attendo a breve il nuovo cronoprogramma della Rap che ha asfaltato alcuni tratti della Circonvallazione. Poi toccherà ad Amat occuparsi della segnaletica stradale. I tempi? Al momento non li so”, ammetteva.

Giusto CataniaL’ordinanza, pronta dal 2017, non fu mai applicata. Tanto che fu lo stesso Catania, da capogruppo in Consiglio comunale di Sinistra Comune, a tuonare contro l’ex assessora Riolo, poi sostituita da lui. Ma le tre corsie ancora non ci sono.

Una disorganizzazione che rende pericoloso l’asse primario della città: in alcuni punti (vedi tratto Einstein-Perpignano) infatti da due anni manca totalmente la segnaletica orizzontale.

Cosa che ha spinto ieri i consiglieri del M5S a una diffida formale al Comune: “Si ripristini l’asfalto e la segnaletica orizzontale o faremo causa al Comune. Intervento entro 30 giorni, altrimenti si adiranno le vie legali“. A scriverlo sono i consiglieri comunali Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo e i Consiglieri della II, III, IV, V e VI Circoscrizione, Pasquale Tusa, Saverio Bruschetta, Mirko Dentici, Simona Di Gesù e Daniela Tumbarello.

“È inaccettabile che dopo due anni, nonostante siano state emanate due ordinanze mai eseguite, il Comune non abbia ancora ultimato i lavori per la fluidificazione della circolazione di ripristino dell’asfalto e per il riassetto del traffico nell’arteria più congestionata – e più pericolosa – di Palermo”, concludono i pentastellati.

La carreggiata centrale – larga 12 metri – è attualmente divisa in tre corsie da 4 metri: due ordinarie e una di emergenza.

Col nuovo assetto sarà divisa in 4 corsie: due “ordinarie” da 3 metri ciascuna; la corsia più a destra da 3,5 metri (per mezzi pesanti e taxi); e quella di emergenza da 2 metri e mezzo.

Abbiamo provato più volte a contattare l’assessore Catania per gli aggiornamenti sul problema, senza ottenere risposta.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.