Vicari, pronti 670 milioni per infrastrutture e reti al Sud :ilSicilia.it

Lo rende noto il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti

Vicari, pronti 670 milioni per infrastrutture e reti al Sud

2 Marzo 2017

“Sono stati assegnati al sud oltre 670 milioni di euro per infrastrutture e reti”. Lo annuncia Simona Vicari, sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti.

Tali risorse, in base alle delibera del CIPE del 1 dicembre 2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, sono destinate tra l’altro, alla digitalizzazione della logistica, al programma di recupero costiero, all’accessibilità turistica, ai Green Ports e ai progetti infrastrutturali ferroviari e portuali. Questa ulteriore assegnazione rientra nel Piano di azione e coesione territoriale complementare al PON – Infrastrutture e Reti 2014 – 2020.

 

il sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture Simona Vicari.
Il sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture, Simona Vicari

“Ancora un incremento degli investimenti che il Governo – prosegue Vicari – sta facendo per il rilancio economico e sociale del nostro amato Sud. Sono convinta che siamo sulla giusta via e che finalmente il Sud Italia stia avendo tutte le chances che merita. Questo Governo ha annunciato l’importanza strategica del sud nella ripresa dell’economia del Paese e sta arricchendo sempre di più la cassetta degli attrezzi. La palla – aggiunge Vicari – va agli amministratori locali, regionali e sta alle imprese cogliere le opportunità vantaggiose degli investimenti al sud. Queste misure, voglio ricordare, si vanno ad aggiungere a quanto già previsto dai piani per il sud, a quanto previsto dal DL sud operativo da due giorni e alla decontribuzione totale per le assunzioni al sud. Più di così!”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona