Vicolo Bernava a Palermo, tutto da rifare: gara deserta, slittano ancora le demolizioni :ilSicilia.it
Palermo

Lungo la "Tratta A" del Passante Ferroviario

Vicolo Bernava a Palermo, tutto da rifare: gara deserta, slittano ancora le demolizioni

1 Ottobre 2019

Ulteriore battuta d’arresto, nuovo intoppo, ennesimo ritardo. Per il Passante Ferroviario di Palermo non c’è pace.

Dopo la rescissione contrattuale col consorzio Sis che ha deciso di lasciare Palermo dopo 11 anni (LEGGI QUI), Rfi ha pubblicato in piena estate una gara d’appalto con procedura negoziata per i “lavori di demolizione fabbricati vicolo Bernava – via Serpotta, a seguito del recesso esercitato dal Contraente Generale per i lavori di Raddoppio Elettrificato della tratta ferroviaria Palermo Centrale – Carini”.

La gara espletata in modalità telematica purtroppo però è andata deserta. Lo rende noto RFI nel suo portale.

L’ importo posto a base di gara era di 930.195,36 euro (al netto IVA), di cui € 326.996,01 euro per oneri inerenti alla sicurezza, non soggetti a ribasso. L’avviso è stato firmato dal Responsabile del Procedimento Francesco Pugliese, il 24/09/2019.

Dunque nuova battuta d’arresto per le demolizioni necessarie a scavare gli ultimi 58 metri di galleria sotterranea della “Tratta A” Imera-Lolli. Le 5 palazzine pericolanti sono state espropriate da anni, con una maxi variante da oltre 18 milioni di euro approvata dalla Regione.

Vicolo Bernava, passante fs
Vicolo Bernava, passante fs

I residenti della zona dovranno ancora tenere il fiato sospeso.

E non mancano le proteste: Filippo Dattolo, residente di via Carlo D’Aprile che aveva lanciato un mese fa un grido di aiuto al sindaco, è tornato a scrivere a Leoluca Orlando: «Caro Sindaco, Sono nuovamente a scriverle in merito al Passante ferroviario di Palermo. Ho contato le mail che Le ho inviato in merito all’argomento, sono 112. Abbiamo saputo che la gara di appalto relativa all’abbattimento delle palazzine di vicolo Bernava è andata deserta. Lascio a voi le riflessioni del caso, nutrendo grossi dubbi sulla serietà di un ente appaltante che invita dieci aziende a lei vicino e queste decidono di non partecipare. Adesso però basta! Una continua presa in giro che tiene in ostaggio un intero quartiere. Quest’opera ha sino ad oggi degradato un’intero quartiere. Il problema di Vicolo Bernava è irrisolto da 7 anni. Può un’opera pubblica durare tutto questo tempo?

Sig. Sindaco – accusa il cittadino – io la ritengo responsabile; più volte l’abbiamo interpellata ed incontrata, una volta, 5 anni fa. Aveva assicurato che si sarebbe impegnato e sarebbe stato accanto a coloro che vivevano nel quartiere ed a coloro che erano stati evacuati. Così non è stato. Adesso però ha l’opportunità di recuperare ed obbligare RFI, che opera in territorio comunale, a finire le opere e riportare al decoro il quartiere, innanzitutto smantellando il cantiere che non viene utilizzato da 4 anni e che versa nell’abbandono più totale (con la rescissione contrattuale di SIS, non vi è neppure la guardiania). Aspetto sue notizie. Buon lavoro».

Una lettera forte, da cui trapela tutto il disagio di una città in ostaggio dei cantieri lumaca.

Dalle Ferrovie trapela un certo imbarazzo, tanto che i vertici rispondono sempre più di rado ai giornalisti. L’ufficio stampa di RFI tuttavia fa sapere a ilSicilia.it che «si sta studiando il modo più rapido per accorciare i tempi e arrivare alle demolizioni in Vicolo Bernava. Sicuramente sarà fatto a breve un nuovo bando, nei termini fissati dalla legge e dal codice degli appalti». 

Una nuova gara quindi è all’orizzonte. Sperando che sia, finalmente – dopo 7 anni – la volta buona.

 

LEGGI ANCHE:

Passante Ferroviario: dopo 11 anni la Sis lascia Palermo, strappo definitivo con Rfi

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.