Vicolo Bernava, la protesta: "Tutto fermo da anni, Passante incompiuto" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA PROTESTA DEI SINDACATI DEGLI EDILI

Vicolo Bernava, la protesta: “Tutto fermo da anni, Passante incompiuto” | FOTO

di
13 Novembre 2019
Vicolo Bernava

SCORRI LE FOTO IN ALTO

“Dopo 10 anni ancora incompiuto. Finite il passante ferroviario”.  È lo striscione che denuncia la più grande incompiuta d’Italia, il Passante ferroviario di Palermo, 1 miliardo di euro già spesi in dieci anni per un’opera rimasta a metà per l’abbandono del cantiere da parte della Sis.

Lo striscione è comparso stamattina, è stato appeso dagli edili di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil nel punto esatto dove, tra via Carlo D’Aprile e vicolo Bernava, si è fermato il cantiere che avrebbe dovuto completare la galleria di 58 metri Imera-Lolli, rimasta al palo.

“Con questa denuncia, oggi da Palermo apriamo la mobilitazione nazionale unitaria che vedrà il 15 novembre in 100 piazze d’Italia manifestazioni che hanno come obiettivo il rilancio del settore delle costruzioni – dichiarano i segretari generali di Feneal Uil Palermo Pasquale De Vardo, Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese e Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo Rfi, in quanto stazione appaltante, ha garantito che riappalterà le rimanenti sezioni dell’appalto. Ancora però non è stata indetta nessuna gara che riguarda le parti residue, ovvero la stazione Belgio, la demolizione degli edifici di vicolo Bernava e la galleria”.  

vicolo bernava passante fsPer l’appuntamento di venerdì 15 novembre, a Palermo, alle ore 9,30, in piazza Politeama, Feneal, Filca e Fillea hanno organizzato un’assemblea pubblica aperta a cittadini, lavoratori, disoccupati, alle imprese, all’amministrazione comunale.

Saranno affrontati non solo il tema delle “incompiute” ma delle opere presenti all’interno del Patto per Palermo, per le quali era previsto un finanziamento.

A distanza di tre anni, i sindacati degli edili chiedono a che punto siano  i bandi di gara. “Abbiamo  invitato alla nostra iniziativa il sindaco della città di Palermo, al quale chiederemo notizie sullo stato dell’arte delle opere presenti nel Patto per Palermo, tra i quali c’erano 54 milioni di euro per la riqualificazione della Circonvallazione di Palermo, anche attraverso la messa in sicurezza dei ponti e le opere di collegamento con la mobilità comunale e sovracomunale”. Leggasi quindi Ponte Corleone e sottopasso via Perpignano.

Nel 2016, il Patto per Palermo aveva previsto 770 milioni di interventi (con 432 milioni finanziati e 338 milioni da recuperare). Alla voce Infrastrutture, oltre ai 54 milioni per la circonvallazione erano previsti i 521 milioni di euro per le nuove linee tram. Per il settore Ambiente, erano stati stanziati altri 57 milioni per la mitigazione del rischio frane, crolli e smottamento dei rilievi montuosi in città, 22 milioni per il restauro del Teatro Massimo, 71 milioni legati alla riqualificazione degli spazi urbani.

“Di queste opere citate, le uniche informazioni positive sono quelle in merito alla progettazione esecutiva delle nuove linee del Tram. Per il resto – aggiungono De Vardo, Danese e Ceraulo – non si sa nulla. Nessuno degli  obiettivi prefissati dal Patto per il  2017 è stato rispettato. Alla luce di tutto questo, rimaniamo perplessi rispetto alla pubblicazione del Piano annuale delle Opere pubbliche del Comune da espletarsi entra il 2019, che si attesta sui 30 milioni 838 mila euro, nel quale non è inserita nessuna delle grandi opere prevista dal Patto per Palermo ma interventi minori come riqualificazione di impianti luce, manutenzione di immobili comunali, il restauro di villa Lisetta, lavori di completamento alle fognature a Boccadifalco e il nuovo formo crematorio del Comune. Con la crisi, con il  settore in ginocchio e la mancanza di occupazione non crediamo possano essere queste le risposte da dare al settore”.

LA PRECISAZIONE DI RFI:

Alla nota dei sindacati replica Rete Ferroviaria Italiana, che tramite il suo ufficio stampa fa sapere che «Non è vero che “non è stata indetta nessuna gara che riguarda le parti residue”. Per la demolizione delle palazzine di Vicolo Bernava, Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) ha già pubblicato due bandi di gara. Il termine per le offerte scade il prossimo 29 novembre.

La demolizione delle palazzine di Vicolo Bernava è propedeutica alla realizzazione delle successive opere: la galleria Imera-Lolli e la stazione Belgio, le cui gare di appalto partiranno subito dopo.

Attualmente sono in corso interventi per oltre 15 milioni per la realizzazione della nuova Sottostazione elettrica della stazione Tommaso Natale, delle opere civili nella galleria fra Notarbartolo e Francia, della nuova fermata di Capaci (via Kennedy) e per l’integrazione degli impianti tecnologici della fermata Tommaso Natale.

Infine, entro il 2019, saranno avviati ulteriori interventi per circa 5 milioni: il prolungamento di via Francia, la sistemazione a verde della galleria di via Monti Iblei e gli impianti per la sicurezza dei tunnel ferroviari».

 

 

LEGGI ANCHE:

Vicolo Bernava a Palermo, tutto da rifare: gara deserta, slittano ancora le demolizioni

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.