[Video] Bagheria, violoncelli sotto le stelle a villa Cattolica :ilSicilia.it
Palermo

Una notte di San Lorenzo magica tra arte e musica

[Video] Bagheria, violoncelli sotto le stelle a villa Cattolica

di
11 Agosto 2017

Dodici violoncelli sotto le stelle, posizionati sulle inconfondibili maioliche azzurre e bianche. Lo sfondo è villa Cattolica, sede del museo Guttuso di Bagheria, dove ieri in tantissimi non hanno potuto rinunciare ad una serata all’insegna della musica, firmata Giovanni Sollima.

Con lui Alessio Pianelli, Francesco Biscari, Giulia Trevisano, Viviana Caiolo, Mauro Cottone, Michele Andrea Cottone, Andrea Rigano, Luisa Franchin, Alessandro Adamo, Giorgio Garofalo, Marco Correnti, Francesca Bongiovanni e Caterina Isaia.

Attorno al semicerchio di musicisti, una grande folla: riempiti tutti posti a sedere, muretti occupati e molti, pur di non lasciarsi sfuggire il concerto, non hanno esitato a stare in piedi o a piazzarsi a terra.

Musicista, compositore, virtuoso del violoncello, il maestro Sollima con un variegato ed originale repertorio ha conquistato il pubblico in una notte speciale, quella di San Lorenzo, dove sì, del resto le stelle cadenti sono le protagoniste, ma anche i violoncelli hanno avuto la loro prestigiosa parte.

L’evento “Giovanni Sollima & The Cello’s friends” è stato promosso dall’amministrazione comunale di Bagheria, organizzato da Federico Guzzo con il coordinamento tecnico di Adalberto Catanzaro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.