"Video hard con minori tunisini", scandalo Crocetta ricattato da Montante :ilSicilia.it

Lo scrive il quotidiano "Domani" in un pezzo esclusivo di Attilio Bolzoni

“Video hard con minori tunisini”, scandalo Crocetta ricattato da Montante

di
20 Marzo 2021

Chiusa la seconda parte dell’inchiesta Montante, in cui l’ex presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta è indagato per corruzione, emergono nuovi dettagli.

Li riporta oggi in prima pagina il quotidiano “Domani” in un pezzo esclusivo di Attilio Bolzoni: «C’è un presidente della Regione Siciliana inginocchiato ai suoi piedi. Per i soldi che ha ricevuto in campagna elettorale ma anche per altro: “Evitare la diffusione di un video a contenuto sessuale che lo ritraeva in atteggiamenti intimi con minori di nazionalità tunisina”. È Rosario Crocetta, presidente della lista del “Megafono” in un governo dal 2012 al 2017 dove comanda solo e soltanto il “partito di Confindustria”».

Questo l’incipit dell’articolo di Bolzoni, cronista siciliano di razza, autore dello scoop che il 9 febbraio 2015, fece emergere il caso Montante. L’articolo dell’epoca, uscito su Repubblica, aveva questo titolo “Antonello Montante, l’industriale paladino dell’antimafia sotto inchiesta in Sicilia per mafia”.

Oggi Bolzoni torna alla carica: “Così la Confindustria parallela governava Sicilia e mezza Italia”, e nel sommario: “Indagato l’ex presidente siciliano Rosario Crocetta, tenuto in pugno con video hard da Antonello Montante. L’ex vicepresidente degli industriali avrebbe controllato anche il direttore dell’Antimafia”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Corruzione: nuova inchiesta su Montante, indagato Crocetta

Corruzione, il legale Crocetta: “Nessuna nomina sollecitata da Montante”

Bufera Montante, Crocetta: “Video scabroso? Non sono Rocco Siffredi”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin